Dopo le minacce della Libia, la nave Proactiva diretta verso Pozzallo

A bordo ci sono 218 migranti. In queste ore una donna ha partorito, al largo delle coste maltesi

Una nave della Proactiva Open Arms

Una nave della Proactiva Open Arms

globalist 16 marzo 2018

La nave della Ong spagnola Proactiva Open Arms, che dopo aver soccorso 218 migranti dal Mediterraneo è stata minacciata con le armi dalla Guardia Costiera libica che chiedeva la restituzione dei migranti, arriverà tra poche ora al porto di Pozzallo, in Sicilia. Lo riferisce la Guardia Costiera.


La nave è rimasta bloccata per ore in acque internazionali in attesa che lo Stato di bandiera, la Spagna, come prevedono le normative internazionali, concordasse con uno Stato costiero, il porto di destinazione dei naufraghi. Durante la navigazione, a circa 10 miglia dalle coste maltesi, è stato effettuato un trasbordo sanitario di urgenza, con una motovedetta maltese, di un neonato assistito dalla madre. L’unità, nonostante l’immediata vicinanza con l’isola di Malta, proseguiva la navigazione verso le coste italiane in attesa di indicazioni dell’Autorità spagnola".