Attacco contro il premier palestinese a Gaza: l'Anp accusa Hamas

Rami Hamdallah e del capo dell'intelligence Majed Freij erano in visita per favorire la riconciliazione tra le fazioni

Rami Hamdallah

Rami Hamdallah

globalist 13 marzo 2018

Un'esplosione si è verificata nei pressi del convoglio del primo ministro palestinese Rami Hamdallah e del capo dell'intelligence Majed Freij mentre si trovava all'altezza di Beit Hanun, poco dopo il suo ingresso nella Striscia di Gaza.Secondo i media locali, il premier palestinese e il capo dell'intelligence Majed Freij sono "rimasti illesi". La presidenza dell'Autorità nazionale palestinese ritiene Hamas "responsabile del vigliacco attacco".

Dopo l'esplosione che ha investito il passaggio delle auto palestinesi, sono stati indirizzati degli spari contro il convoglio del premier palestinese Rami Hamdallah e del capo della sicurezza Majed Freij.
Secondo le prime informazioni ad esplodere è stato un ordigno posto ai margini della strada di ingresso a Gaza. Ad essere stati feriti in modo grave sarebbero due passanti. La polizia di Hamas ha affermato di aver arrestato due persone sospette.
Dopo cinque mesi di assenza Hamdallah aveva deciso di tornare a Gaza - anche su pressione della diplomazia egiziana - nel tentativo di rilanciare la riconciliazione con Hamas. Progettava di visitare un centro di purificazione di acqua e di avere in seguito colloqui a Gaza City con dirigenti di Hamas.
Malgrado l'attacco, Hamdallah non ha finora alterato la prima parte della visita. Si è recato al centro di purificazione dell'acqua nel nord della Striscia e le immagini della sua visita sono state trasmesse in diretta dai media locali.