Top

Chiesti 30 anni per l'ex presidente coreana Park: è accusata di corruzione

Avrebbe percepito, in cambio di favori politici, delle tangenti da tre colossi dell'economia del Paese, la Samsung, la Lotte e Sk. L'ex presidente è in carcerazione preventiva da quasi un anni

L'ex presidente sud-coreana Park in manette
L'ex presidente sud-coreana Park in manette

globalist

27 Febbraio 2018 - 08.15


Preroll

La pubblica accusa ha chiesto, nel processo che la vede imputata di corruzione ed abuso di potere, una condanna a trent’anni di reclusione per l’ex presidente (dal 2013 al 2017) Park Geun-hye.
La signora Park, 66 anni, è è stata rimossa dall’incarico nel marzo dello scorso anno, dalla Corte suprema sud-coreana, nell’ambito delle indagini su un enorme scandalo di corruzione ed è in custodia preventica da quasi un anno.
“Chiediamo al tribunale di imporre una pena di 30 anni di reclusione e una multa di 118,5 miliardi di won (89 milioni di euro, ndr) contro l’imputata, che deve essere ritenuta l’autore definitivo dello scandalo come diciottesimo Presidente di questo Paese “, ha detto l’accusa in una dichiarazione letta in udienza.
La pubblica accusa addebita a Park Geun-hye, in collusione con la sua confidente Choi Soon-sil (già condannata a 20 anni di reclusione) , di avere accettato, in cambio di favori politici, tangenti per un totale di 59,2 miliardi di won da tre gruppi industriali sud-coreani, Samsung, Lotte e SK.
L’ex capo dello Stato è anche accusato di aver costretto 18 grandi compagnie a “dare” un totale di 77,4 miliardi di won a due fondazioni, di fatto sotto il controllo della signora Choi. Quest’ultima è stata ritenuta, dalla corte del distretto centrale di Seul, colpevole di abuso di potere, corruzione e interferenze negli affari di Stato.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile