Top

Odissea di un atleta sardo in Canada, 17 ore scalzo a -50 gradi

Ricovero ad Aosta con piedi e mani congelate, rischia amputazioni

Roberto Zanda
Roberto Zanda

globalist

20 Febbraio 2018 - 08.18


Preroll

Dopo 17 ore trascorse anche a -50 gradi, scalzo e senza guanti, Roberto Zanda si è salvato dopo essersi “attaccato agli affetti e alla fede”. L’iroman cagliaritano, reduce dalla Yukon Artic Ultra, l’ultramaratona canadese in cui ha rischiato di morire, racconta dal letto dell’ospedale Umberto Parini di Aosta la sua odissea tra le nevi al confine con l’Alaska. 
“Noi sardi siamo caparbi e molto tosti”, spiega con fierezza. “E’ stata la determinazione come persone sarda a farmi arrivare al traguardo della vita – aggiunge Zanda – la determinazione di rappresentare un popolo e anche l’attaccamento alla vita, c’e’ stato un momento in cui mi sono lasciato andare e poi ho deciso di rialzarmi da quel tepore che mi stava avvolgendo e di andare, scalzo, a cercare i soccorsi”.

OutStream Desktop
Top right Mobile


Zanda, atterrato oggi a Torino Caselle proveniente dal Canada e trasportato immediatamente ad Aosta, ha riportato un gravissimo congelamento di quarto grado di mani e piedi e ora i sanitari del reparto di chirurgia vascolare e dell’ambulatorio di medicina di montagna, centro di eccellenza a livello internazionale per queste patologie, stanno cercando di salvargli gli arti.

Middle placement Mobile

Dynamic 1

 

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage