Top

La piccola Maelys uccisa e il corpo sepolto in un bosco: il killer confessa

La piccola di 9 anni scomparsa nell'agosto scorso durante una festa di matrimonio era stata subito assassinata. L'uomo incastrato grazie a delle macchie di sangue

<picture> Appello per Maelys de Araujo </picture>
Appello per Maelys de Araujo

globalist

14 Febbraio 2018


Preroll

Finita nel peggiore dei modi, come purtroppo ci si attendeva il mistero della scomparsa della piccola Maelys: è stata assassinata il giorno stesso della sua sparizione e il suo corpo sepolto.
«Le prime parole saranno questa sera per i genitori di Maelys, che oggi sanno che loro figlia è morta, ed è stata uccisa, e abbiamo trovato i suoi resti», così ha esordito in conferenza stampa Jean-Yves Coquillat procuratore della Repubblica di Grenoble.
«Quello che posso dirvi questa sera è che le indagini hanno subito una svolta quando la scientifica ha “disossato” – questo è il termine tecnico – l’automobile di Nordahl Lelandais e gli agenti hanno trovato una macchia di sangue. Le analisi hanno determinato che quel sangue apparteneva alla bambina», continua Coquillat.
In seguito alle prove, mostrate ieri al sospetto e al suo legale, Lelandais ha deciso spontaneamente di «voler portare la polizia là dove si trovava il corpo della piccola».
«Ha ucciso Maelys involontariamente – queste sono le sue parole – e si è poi sbarazzato del corpo. Prima lo ha lasciato vicino a casa sua, è tornato al matrimonio, poi nella notte lo ha ripreso e lo ha occultato in un luogo isolato in bosco sul massiccio della Chartreuse. Lelandais ha anche posto le sue scuse in primo luogo a Maelys e ai suoi famigliari», ha continuato il procuratore.
L’assassino reo confesso, verrà sentito ancora dai giudici e garantisce «che farà chiarezza più avanti sulle dinamiche del delitto».
«I lavori di recupero della salma sono stati ostacolati dalla neve, è stato necessario sgomberare le vie d’accesso e accomodare alcuni sentieri per permettere agli agenti e ai cani di giungere là dove Lelandais aveva indicato», ha spiegato il procuratore.
Pungolato dai giornalisti sui possibili legami dell’assassino di Maelys con altre indagini in corso – come quelle legate al caso del giovane caporale Arthur Noyer – Coquillat ha tagliato corto: «Non siamo qui per parlare di questo, oggi».

OutStream Desktop
Top right Mobile

 

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage