Carceri francesi in rivolta: i sindacati delle guardie incontrano la ministra della Giustizia

Stamattina, dopo oltre una settimana di proteste, sono 115 gli istituti bloccati sul totale di 188 della Francia.

Decine di carceri in tutta la Francia sono di nuovo bloccate dalle guardie in agitazione

Decine di carceri in tutta la Francia sono di nuovo bloccate dalle guardie in agitazione

globalist 22 gennaio 2018

 Decine di carceri in tutta la Francia sono di nuovo bloccate dalle guardie in agitazione, organizzate dai sindacati di categoria, in vista di un incontro oggi con la ministra della Giustizia. In discussione, rivendicazioni salariali e garanzie di sicurezza.
    Stamattina, dopo oltre una settimana di proteste, sono 115 gli istituti bloccati sul totale di 188 della Francia. Nel carcere di massima sicurezza di Fleury-Merogis, la più grande prigione d'Europa che sorge non lontano da Parigi, circa 150 secondini sono radunati dall'alba fuori dalle mura del penitenziario con barricate erette con pneumatici e assi di legno. La ministra Nicole Belloubet ha annunciato in nottata che riceverà i sindacati dopo il rifiuto da parte di questi ultimi delle proposte del governo.
    Ieri sera, ennesima aggressione: un detenuto ha assalito alcune guardie a Longuenesse, nel nord, utilizzando la gamba di un tavolo di ferro, ferendo gli agenti alle braccia.