Top

L'allarme dello psichiatra: preoccupanti le condizioni mentali di Trump

Bandy Lee è stato ascoltato da una decina di membri del Congresso. La Casa Bianca: scandaloso

Trump
Trump

globalist

5 Gennaio 2018 - 10.08


Preroll

Magari è un’esagerazion parlare di pazzia. Ma certamente che il potere sia nelle mani di una persona a dir poco instabile è un fattore di rischio non solo per gli Stati Uniti, ma per l’umanità intera.
Almeno una decina di membri del Congresso Usa, molti dei quali democratici, hanno ascoltato le valutazioni di un professore di psichiatria di Yale, Bandy Lee, sulle condizioni mentali del presidente Donald Trump, a suo dire preoccupanti.
Lee, che ha coordinato il libro “The Dangerous Case of Donald Trump: 27 Psychiatrists and Mental Health Experts Assess a President”, è stato ascoltato dai parlamentari – tutti democratici, meno un repubblicano – il 5 e 6 dicembre.
“I parlamentari hanno detto di essere rimasti molto preoccupati riguardo la pericolosità del presidente, i pericoli che la sua instabilità mentale pongono al presidente”, ha detto Lee alla Cnn. “Trump – ha sostenuto ancora a Politico – sta peggiorando e diventerà incontenibile con le pressioni della presidenza”.
Il fatto di offrire una valutazione sulla salute mentale del presidente è apparentemente contrario alla “Regola Goldwater” dell’Associazione psichiatrica americana, la quale “asserisce che i membri psichiatri non danno opinioni professionali sullo stato mentale di qualcuno che non hanno personalmente valutato”.
La portavoce della Casa bianca Sarah Sanders ha definito “scandalose e ridicole” le valutazioni dello psichiatra. Se Trump “fosse incapace (di governare), probabilmente non siederebbe qui – ha detto ancora Sanders – e non avrebbe sconfitto il più qualificato gruppo di candidati che il Partito repubbliano abbia mai visto”.
Nella Camera dei Rappresentanti 57 democratici hanno sostenuto una proposta di legge che vorrebbe stabilire una commissione incaricata di determinare “se il presidente sia mentalmente o fisicamente non in grado di svolgere i compiti e usare i poteri del suo incarico”.
La Costituzione Usa fornisce due strade per rimuovere un presidente: la destituzione da parte del Congresso, con un impeachment alla Camera e un voto del Senato; il potere del vicepresidente di assumere l’incarico di “presidente ad acta” se una magioranza del gabinetto determina che “il presidente sia mentalmente o fisicamente non in grado di svolgere i compiti e usare i poteri del suo incarico”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage