Gli Usa sospendono gli aiuti militari al Pakistan: non combattete il terrorismo

Washington accusa Islamabad di non contrastare con determinazione gli estremisti islamici della rete Haqqani e i talebani afgani

Gli Usa accusano il Pakistan di non combattere il terrorismo

Gli Usa accusano il Pakistan di non combattere il terrorismo

globalist 5 gennaio 2018

Gli Stati Uniti hanno annunciato la sospensione dell'assistenza alla sicurezza in Pakistan in attesa di un'azione da parte di Islamabad contro gli estremisti islamici della rete Haqqani e i talebani afgani.
Le somme e il tipo di aiuti sono in fase di revisione, ha detto Heather Nauert, portavoce del Dipartimento di Stato, aggiungendo che anche i trasferimenti di attrezzature militari e fondi relativi alla difesa sono stati interessati dalla decisione, ma che eccezioni sarebbero possibili.
"Possiamo confermare oggi che stiamo sospendendo l'assistenza alla sicurezza, questa volta solo per il Pakistan, fino a quando il governo pakistano non intraprenderà azioni contro i talebani afghani e la rete Haqqani. Riteniamo che stiano destabilizzando la regione e che stiano attaccando il personale statunitense ", ha detto Heather Nauert durante una conferenza stampa.
Donald Trump ha scritto lunedì su Twitter che gli Stati Uniti hanno "stupidamente pagato più di 33 miliardi di dollari in Pakistan negli ultimi 15 anni", ottenendo in cambio "bugie e inganni".
L'ambasciatore degli Stati Uniti è stato convocato il giorno successivo al Ministero degli Affari Esteri pakistano.
Washington ha accusato Islamabad per anni di non aver fatto la cosa giusta contro gli estremisti islamici, specialmente quelli della rete Haqqani, alleati dei talebani afghani.