Il ciclone Ocki spazza Sri Lanka e il sud dell'India: 26 morti

Piogge torrenziali e veni a 130 chilometri all'ora stanno lasciando una scia di gravi danni a case ed infrastrutture. La situazione potrebbe aggravarsi nelle prossime ore

Ciclone Ocki: i soccorsi nell'India meridionale

Ciclone Ocki: i soccorsi nell'India meridionale

globalist 2 dicembre 2017

Qualche migliaio di persone sono state evacuate oggi, nello Sri Lanka e nell'India del sud, a causa del ciclone Ocki che ha già causato 26 morti. Tredici sono i morti nello Sri Lanka, altrettanti negli Stati meridionali dell'India del Kerala e del Tamil Nadu.
Undici persone, principalmente pescatori, risultano disperse. Quasi 9.000 residenti nello Sri Lanka hanno cercato riparo in rifugi per mettersi al riparo dai forti venti e dall'innalzamento delle acque. Piogge torrenziali e venti fino a 130 km orari hanno causato allagamenti e hanno provocato l'interruzione dei collegamenti di linee elettriche e telefoniche nell'area.
I servizi meteorologici prevedono precipitazioni intense anche nelle prossime ore. Arrivando dal Mar Arabico, Ockhi potrebbe poi risalire la costa indiana orientale per i successivi quattro giorni.