Ophelia è in Europa: 27 vittime in Portogallo, terrore in Irlanda

L'uragano ha alimentato oltre 500 roghi nella Penisola iberica, decine i feriti. Ora ha raggiunto l'Irlanda dove ha ucciso una donna. Trema il Galles. Già 120mila persone sono senza luce

L'uragano Ophelia è arrivato in Iralanda

L'uragano Ophelia è arrivato in Iralanda

globalist 16 ottobre 2017

L'uragano Ophelia è arrivato in Europa con il suo carico di morte e distruzione. Prima si è abbattutto sulla Penisola iberica alimentando roghi e incendi, causando almeno 27 persone tra Spagna e Portogallo, ora è arrivato in Gran Bretagna. Solo in Portogallo ieri si sono registrati più di 500 incendi, il numero più alto dell'anno in un solo giorno e il peggiore in oltre 10 anni. Le vittime sono morte a causa dei roghi alimentati dalle alte temperature (oltre 30 gradi) e dai forti venti, fino a 130 chilometri, causati dal passaggio dell'uragano. La protezione civile portoghese ha spiegato che altre 25 persone sono rimaste ferite, tra cui molti vigili del fuoco, mentre nella Galizia spagnola tre persone hanno perso la vita, intrappolate in un'auto. Entro oggi è previsto l'arrivo della pioggia, che dovrebbe alleggerire il lavoro dei Protezione civile. Nel frattempo il Met Office, l'ufficio meteorologico britannico, ha elevato il livello di allerta ad 'arancione' (amber) per l'Irlanda del Nord. La portata e l'intensità dell'impatto andranno pertanto verificate in concreto nelle prossime ore. La prima vittima nell'isola verde, un'anziana signora, è stata uccisa da un albero che è crollato sulla vettura della poveretta nei pressi di Aglish. Oltre 120 mila abitazioni sono senza luce in Irlanda mentre in Galles, dove la tempesta Ophelia è attesa nelle prossime ore, è scattata in anticipo la chiusura della scuole per motivi di sicurezza