Vicino Houston due esplosioni in un impianto chimico: area evacuata

Altri problemi nella città allagata: al momento il bilancio dell'uragano è di 35 morti

Due esplosioni si sono verificate nell'impianto chimico Arkema

Due esplosioni si sono verificate nell'impianto chimico Arkema

globalist 31 agosto 2017


Il bilancio è drammatico: 35 morti, case e infrastrutture distrutte e almeno mezzo milione di veicoli sott'acqua.
Nel frattempo due esplosioni si sono verificate nell'impianto chimico Arkema, vicino Houston in Texas, completamente allagato dopo il passaggio della tempesta tropicale Harvey.
Un'alta colonna di fumo nero si alza dalla fabbrica della società francese che è rimasta senza energia elettrica e senza impianti di refrigerazione. La situazione d'allarme era stata data già stamattina quando la società aveva detto che le esplosioni erano inevitabili. Come misura precauzionale era stata ordinata l'evacuazione di un'area di tre chilometri intorno alla centrale che produce perossido organico nella Contea di Harris.
Alle 2:00 (le 9:00 in Italia) del mattino siamo stati avvisati dal Centro per le emergenze della Contesa di Harris di due esplosioni e del fumo nero proveniente dalla fabbrica Arkema Inc di Crosby, Texas", ha reso noto la compagnia in una nota.
"I perossidi organici sono estremamente infiammabili e, come discusso con le autorità, la soluzione migliore è lasciare che il fuoco si estingua da solo", ha spiegato la società avvertendo che sono possibili altre esplosioni perché i materiali sono contenuti in diverse zone dell'impianto.