Il leader dei talebani agli imprenditori: investite nelle zone controllate da noi

Habatullah Akhundzada, ha invitato anche gli operatori di ong nei settori sociali, della sanità e dell'agricoltura a lavorare nell'Emirato

Il leader spirituale dei talebani Habatullah Akhundzada

Il leader spirituale dei talebani Habatullah Akhundzada

globalist 31 agosto 2017


Potrebbe sembrare uno scherzo ma non lo è affatto: la guida spirituale dei talebani afghani, Habatullah Akhundzada, ha invitato oggi imprenditori ed operatori di ong nei settori sociali, della sanità e dell'agricoltura, di «venire ad operare nelle zone controllate dall'Emirato islamico dell'Afghanistan».
Nel suo messaggio per la festività del sacrificio (Eid-ul-Adha) il leader degli insorti ha sostenuto che noi «abbiamo l'amministrazione di metà del territorio afghano» e che «se gli uomini d'affari hanno timore dei sequestratori e degli usurpatori nelle città, possono costruire impianti e fabbriche ed investire in differenti settori in aree da noi amministrate».
«Rivolgiamo inoltre un appello - ha ancora detto - alle ong che intendono svolgere un lavoro a beneficio della gente osservando le regole dell'Emirato islamico, ad aiutare per salute, istruzione, agricoltura ed altri settori sociali nelle aree sotto la nostra amministrazione».