I nazisti americani si radunano ancora: svastiche e saluti romani in Virginia

Gli estremisti di destra si sono radunati ad Arlington a 50 anni dalla morte del loro leader George Lincoln Rockwell

Neonazisti ad Arlington

Neonazisti ad Arlington

globalist 27 agosto 2017

A dimostrazione del trend che ha oramai colto l’America, la Virginia è di nuovo teatro di una riunione di neonazisti: a sole due settimane dalle manifestazioni suprematiste di Charlottesville, il cui drammatico esito è tristemente noto a tutti, ecco che un nuovo gruppo di nazisti si è radunato fuori di un centro commerciale, ad Arlington. La scusa è commemorare il 50esimo anniversario dell’assassinio di George Lincoln Rockwell, con saluti nazisti e una grande bandiera con una svastica sopra.
Per chi non lo sapesse, Rockwell è stato il fondatore del Partito Nazista Americano, e gli attivisti che hanno organizzato la sua commemorazione appartengono al "New order", un gruppo erede del partito nazista americano. George Lincoln fu ucciso nel 1967 di ritorno dal centro commerciale Hills Dominion, ad Arlington.
"Abbiamo deposto una corona di fiori e fatto il saluto nazional socialista per 88 secondi", ha spiegato Martin Kerr, capo staff di New Order, spiegando che 88 simboleggia "Heil Hitler" perché la "H" è l'ottava lettera dell'alfabeto e 88 è quindi il codice per le prime lettere delle parole "Heil" e "Hitler". Decine di residenti di Arlington sono rimasti sconcertati dal raduno e alcune ore dopo hanno manifestato la loro protesta esibendo cartelli con slogan come "Love Trumps Nazis" e "Zona senza odio".
Continua intanto la protesta contro Trump, dopo che il presidente Usa, per i fatti di Charlottesville, ha paragonato i suprematisti bianchi e i loro oppositori. Una coalizione di attivisti religiosi, studenti e difensori dei diritti umani, per protestare contro le esternazioni del tycoon, ha infatti organizzato una marcia di dieci giorni da Charlottesville a Washington: la marcia inizierà lunedì e arriverà nella capitale il 6 settembre.