I cugini di Salman Abedi raccontano: ha preparato la strage di segreto

saac e Abz Forjan erano stati arrestati dalla polizia della città inglese ma poi rilasciati senza nessuna accusa

Salman Abedi prima della strage di Manchester

Salman Abedi prima della strage di Manchester

globalist 2 giugno 2017

Un'altra rivelazione che aggiunge poco per le indagini ma spiega, seppure in piccola parte, quello che passa nella testa di un attentatore suicida: «Ha preparato la strage in segreto». Questo è quello che affermano i cugini di Salman Abedi, l'attentatore di Manchester, in una intervista alla Bbc. Isaac e Abz Forjan erano stati arrestati dalla polizia della città inglese ma poi rilasciati senza nessuna accusa. Hanno affermato anche di non essere a conoscenza delle idee estremiste di Abedi e ritengono che il suo processo di radicalizzazione fosse avvenuto all'estero.
Nel corso delle indagini sull'attacco sono state arrestate in tutto 16 persone e 10 rimangono in custodia, accusate di complicità col terrorista che comunque sembra aver agito in modo piuttosto autonomo come era già emerso nei giorni scorsi, in particolare nella costruzione dell'ordigno che ha causato la morte di 22 persone. La polizia inoltre non è riuscita a rintracciare le presunte telefonate alla linea anti-terrorismo che secondo un testimone erano state fatte cinque anni fa per segnalare il comportamento sospetto di Abedi.