Unicef: in Venezuela è catastrofe umanitaria, intervenire subito

Fame e malattie hanno incrementato nell'ultimo anno la morte dei bambini sotto il primo anno di vita

Mortalità infantile

Mortalità infantile

globalist 15 maggio 2017

"Secondo un report degli uffici regionali Unicef in America Latina la situazione dei bambini in Venezuela è drammatica e rischia di trasformarsi in breve in una tragedia - lo dichiara Andrea Iacomini Portavoce dell`Unicef Italia in un comunicato - I dati sulla mortalità infantile e materna rilasciati la scorsa settimana dal Ministero della Salute del Venezuela forniscono una prova evidente dell'impatto della crisi prolungata sulle donne e sui bambini del Paese."

"Nonostante gli sforzi del Governo e delle altre parti interessate i dati mostrano che nel 2016, rispetto al 2015, sono morti il 30 % in più di bambini prima del loro primo compleanno e il 64 % in più di donne durante la gravidanza o entro 42 giorni dal parto. Più di 240.000 persone - prosegue Iacomini- sono state colpite dalla malaria nel 2016, con un aumento del 76% rispetto al 2015 e sono aumentati anche i casi di diarrea, pertosse, polmonite, Hiv e morbillo, tutti potenzialmente mortali per i bambini".

"La pubblicazione di questi dati da parte del Ministero della Salute è un passo cruciale per affrontare le sfide sanitarie in Venezuela. L`Unicef è pronto a rafforzare il suo sostegno continuo ai partner del governo e della società civile con fornitura di medicinali per il trattamento della malaria, della difterite e di altre malattie, come già avviene in altri settori. Ma occorre fare di più. Il mondo apra gli occhi - conclude Iacomini- non bisogna come sempre aspettare che una situazione di grave emergenza umanitaria diventi una catastrofe per intervenire".