Top

Una tempesta di neve imbianca New York: 2.800 voli cancellati

Anche Boston e Filadelfia si sono svegliate sotto la coltre bianca. Oltre 40 milioni i cittadini americani interessati

<picture> Neve a New York </picture>
Neve a New York

globalist

9 Febbraio 2017


Preroll

New York è imbiancata. Una tempesta di neve è in corso in queste ore su tutta la costa Nord est degli Stati Uniti, cominciata nella notte con un picco alle 14 (le 20 italiane), che ha reso le strade della grande Mela un manto bianco fino ai 30 centimetri di neve e ha reso obbligatoria la cancellazione di 2.800 voli. All’aeroporto John Fitzgerald Kennedy si sta lavorando per sgomberare le piste, che potrebbero riaprire in serata.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Non solo, anche edifici pubblici, scuole e il Palazzo delle Nazioni Unite sono stati chiusi. Oltre 40 milioni le persone interessate, con New York, Boston e Filadelfia che si sono risvegliate sotto una spessa coltre di neve. Tutte le scuole e molti uffici pubblici sono rimasti chiusi.

Middle placement Mobile

Nelle strade di Manhattan si vedono poche macchine: gli automobilisti hanno lasciato le vetture a casa, seguendo il consiglio del sindaco Bill de Blasio. Le linee delle metropolitane, per ora, funzionano regolarmente nella City, ma sono ferme nelle tratte scoperte che attraversano i quartieri super popolati del Bronx, del Queens e di Brooklyn.

Dynamic 1

Le precipitazioni secondo le previsioni andranno avanti ancora per molte ore.

E, purtroppo si conta già la prima vittima della bufera. Miguel Gonzales, un portiere di un palazzo nell’Upper East Side di Manhattan di 59 anni, morto mentre stava spalando la neve. A causa del terreno scivoloso e’ caduto contro una finestra di vetro ed e’ deceduto per i tagli al collo e al viso. Lo riportano i media Usa.

Dynamic 2

 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage