Top

Record di Co2 nell'aria nel 2015: è l'inizio di una nuova era climatica

l'Organizzazione meteorologica mondiale avverte: "Varcata la soglia di 400 parti di anidride carbonica per milione. E' la prima volta che accade".

Inquinamento atmosferico, record di Co2 nel 2015
Inquinamento atmosferico, record di Co2 nel 2015

globalist

24 Ottobre 2016 - 17.44


Preroll

Nel 2015 la concentrazione media di anidride carbonica (CO2) nell’atmosfera ha raggiunto il traguardo di 400 parti per milione (ppm): è la prima volta che accade. Nel 2016 i livelli di Co2 hanno inoltre già registrato nuovi livelli record sulla scia del fenomerno El Nino: il 2015 – ha spiegato l’Organizzazione meteorologica mondiale (Omm) in un comunicato reso noto oggi, 24 ottobre 2016, a Ginevra – “segna l’inizio di una nuova era della realtà climatica”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Prima del 2015 infatti i livelli di Co2 avevano precedentemente già raggiunto la soglia dei 400 ppm ma solo per alcuni mesi dell’anno e solo in certi luoghi: “mai prima d’ora su una base media globale per l’intero anno”, ha sottolineato con preoccupazione l’Omm. Stando alle previsioni della più anziana stazione di sorveglianza dei gas ad effetto serra, le concentrazioni di CO2 resteranno al di sopra di 400 ppm per tutto il 2016 e non scenderanno sotto tale livello per molte generazioni.
La crescita sostenuta di CO2 è stata alimentata dall’arrivo del Nino,ha aggiunto ancora il comunicto. Mentre “il fenomeno di El Nino ormai è scomparso, i cambiamenti climatici restano”, ha aggiunto il segretario generale dell’Omm, Petteri Taalas. Il 2015 – ha aggiunto – resterà nella storia nella misura in cui le concentrazioni record di gas a effetto serra “annunciano una nuova realtà climatica”.
Nonostante i dati preoccupanti, Taalas si è voluto congratulare per il recente accordo raggiunto a Kigali per modificare il Protocollo di Montreal ed eliminare gradualmente gli idrofluorocarburi, potenti gas serra, “ma il vero elefante nella stanza è l’anidride carbonica, che rimane nell’atmosfera per migliaia di anni e negli oceani ancora più a lungo. Se non si affrontano le emission di CO2, non saremo in grado di affrontare i cambiamenti climatici e di mantenere l’aumento della temperatura al di sotto dei 2 grandi centigradi rispetto al livello dell’era pre-industriale”, ha aggiunto, esortando gli Stati a un’accelerazione dell’applicazione dell’Accordo di Parigi sul clima, firmato ormai quasi un anno fa nel dicembre 2015.

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile