L'imperatore del Giappone pronto ad abdicare

Non accade dal 1817: secondo fonti della casa reale, Akihito vorrebbe lasciare il trono a suo figlio, il principe Naruhito

Akihito, imperatore del Giappone

Akihito, imperatore del Giappone

globalist 13 luglio 2016

L’imperatore del Giappone, Akihito, secondo i media giapponesi, sta considerando l’ipotesi di abdicare in favore del figlio maggiore, il principe Naruhito. A confermare la notizia sono state fonti governative, spiegando che l’imperatore, ormai avanti con l’età, non è più in grado di portare avanti gli impegni ufficiali. L'abdicazione, comunque, non sarebbe imminente e potrebbe verificarsi anche tra qualche anno. Occorreranno tra l'altro alcuni cambiamenti legislativi, visto che oggi l'Imperial Household Law non contempla l'ipotesi dell'abdicazione nella definizione del processo di successione. I membri più in vista della famiglia imperiale hanno comunque accettato la sua decisione.

Akihito, figlio dell'imperatore Showa (Hirohito il suo nome in vita, il primo sovrano giapponese a rinunciare alla “divinità” su pressione americana subito dopo lo sgancio delle due bombe atomiche) ha 82 anni, essendo nato il 23 dicembre 1933. Il suo regno dura dal 1989. Per la costituzione attuale, è il simbolo dell'unità del Paese. È stato anche il primo a sposare una donna non facente parte della nobiltà di corte.

Il principe Naruhito, che dovrebbe prendere il suo posto sul trono dell’Impero del Sol Levante, ha 56 anni ed è sposato con Masako. Una rinuncia con abdicazione non accade, sul trono del Crisantemo, dal 1817, quando Kokaku lasciò il trono.