Obama su Dallas: attacco odioso, premeditato e deprecabile

Il Presidente degli Stati Uniti del vertice Nato a Varsavia: la violenza contro le forze dell'ordine non può mai essere giustificata. Poi parla della Brexit.

Obama durante il discorso

Obama durante il discorso

globalist 8 luglio 2016

"La violenza contro le forze dell'ordine non puo' mai essere giustificata". Lo afferma il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, da Varsavia sui fatti di Dallas. Obama sottolinea il rischio del facile accesso negli Stati Uniti alle armi da fuoco. Una sconfitta del suo governo, quella contro le armi facili, che ancora scotta dopo lo stop in parlamento. 
Per Obama l'attacco di Dallas è "odioso, premeditato e disprezzabile". 


 


La condanna di Obama. "È un orrore. È stato un attacco feroce e premeditato. Parlo a nome di tutti gli americani, s'è trattato di un attacco tragico senza alcuna giustificazione". "Daremo tutta l'assistenza necessaria", ha detto il presidente che si trova a a Varsavia per il summit della Nato, "l'intera città è nel dolore". Il discorso di Obama aggiorna e cambia quello che aveva fatto ieri quando aveva detto "tutte le persone di buon senso dovrebbero essere preoccupate dal problema della frequenza con cui la polizia uccide gli afroamericani".


VIDEO: Dallas, il filmato dello scontro a fuoco fra un uomo armato e un agente
Oggi, dopo essere stato informato dei fatti di Dallas, Obama ha un tono diverso. "Gli agenti fanno un lavoro difficile, lo fanno in maniera encomiabile, dovremmo dare supporto, sostegno, perché gli agenti ci proteggono, e oggi la nostra attenzione e il nostro cuore è con le famiglie delle vittime. La violenza contro le forze dell'ordine non può mai essere giustificata". Poi, di nuovo, il presidente ha sottolineato il rischio del facile accesso negli Stati Uniti alle armi da fuoco. A pochi mesi dalle presidenziali di novembre la questione razziale rischia di diventare il testamento finale sul doppio mandato alla Casa Bianca del primo presidente nero degli Stati Uniti.



 


Brexit. Dopo aver commentato e lanciato il suo messaggio sulla sparatoria di Dallas, affronta il nodo Brexit. "Gli Stati Uniti saranno sempre un alleato fedele dell'Europa prospera e democratica". Lo ha affermato a Varsavia il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, sul suo incontro con i vertici della Ue, Donald Tusk e Jean Claude Juncker.
Obama ha invitato tutta la Ue a "minimizzare" gli effetti derivanti dai nuovi rapporti che si andranno a creare tra Ue e Regno Unito. 


L'incontro con i presidenti del Consiglio e della Commissione europea "arriva in momento critico" perché "l'uscita della Gran Bretagna getta incertezza sul futuro della Ue". Sottolineando che "qualcuno suggerisce che il futuro e la prosperità" dell'Europa "sono in discussione". Ma, aggiunge, "sono fiducioso che la Gran Bretagna e la Ue lavoreranno insieme in modo pragmatico perché l' uscita sia ordinata e senza frizioni".


 


Clicca sull'immagine in basso e vai sullo Speciale di Globalist