Top

Gli Aerosmith a Donald Trump: non usare la nostra musica

Dopo Neil Young e i R.E.M., anche gli Aerosmith hanno chiesto al candidato repubblicano di non usare la loro musica: 'Non ha l'autorizzazione'.

Gli Aerosmith a Donald Trump: non usare la nostra musica

Desk2

12 Ottobre 2015 - 16.56


Preroll

Dopo Neil Young e i R.E.M., anche Steven Tyler, frontman degli Aerosmith, ha chiesto a Donald Trump, candidato per la nomination repubblicana alla presidenza degli Stati Uniti d’America, di non utilizzare la sua musica durante gli eventi elettorali.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Trump, nelle ultime apparizioni pubbliche, si è fatto accompagnare dalla canzone “Dream on” degli Aerosmith. Gli avvocati di Tyler lo hanno però invitato non farlo più: “E’ una questione di copyright”, hanno spiegato nella missiva.

Middle placement Mobile

“Trump for President non ha il permesso del nostro cliente di usare “Dream On” o nessun altro suo brano” e hanno aggiunto i legali di Steven Tyler: “Non vi è nessun motivo personale o politico per la presa di posizione di Tyler. È solo che bisogna chieder il permesso per usare la musica”.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile