Top

Dalai Lama: il mio successore sia una bella donna. E' polemica

Poi arriva il chiarimento: nel mondo buddhista l'aspetto fisico è significativo. Se si rinasce in un corpo brutto vuol dire che si ha un karma negativo.

Dalai Lama: il mio successore sia una bella donna. E' polemica

Desk2

24 Settembre 2015 - 19.27


Preroll

E’ la settimana delle gaffe questa. L’ultima è toccata alla guida spirituale buddista. Se il successore del Dalai Lama sarà una donna, dovrà essere “molto bella”. Lo ha detto il Dalai Lama stesso, scatenando una polemica nel Regno Unito. Nell’intervista il Dalai Lama aveva sostenuto che la decisione di scegliere il suo successore spetta al popolo tibetano, sottolineando che il prossimo leader spirituale potrebbe essere una donna: “Perchè no? Le donne, biologicamente, sono molto più propense all’affetto e alla compassione. Per questo, in un mondo così problematico come quello attuale credo che le donne debbano giocare un ruolo più importante”. “Se arriverà una Dalai Lama donna, questa donna dovrà essere molto attraente, altrimenti non serve a molto”, ha detto con tono divertito. Quando l’intervistatore gli ha chiesto se stesse scherzando il leader spirituale ha risposto “è vero”, ripetendo poi che “il suo volto dovrebbe essere molto attraente”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Le dichiarazioni hanno subito scatenato delle polemiche nel Regno Unito, tanto che il suo segretario Chhime R. Chhoekyapa, dall’India ha immediatamente fatto sapere che il Dalai Lama “non intendeva offendere nessuno. La sua padronanza dell’inglese non è perfetta – ha proseguito Chhoekyapa – Se qualcuno fa una buona impressione a prima vista attira immediatamente l’attenzione. E’ molto semplice”. Il buddhismo tibetano sostiene che l’anima di un lama anziano si reincarna, al momento della morte, nel corpo di un bambino.

Middle placement Mobile

“Queste affermazioni vengono sempre travisate e vanno rapportate al loro contesto – ha dichiarato Antonio Giliberto del centro Milarepa, associazione di culto, studio e meditazione buddhista di Torino – Nel mondo buddhista l’aspetto fisico è significativo. Se si rinasce in un corpo brutto vuol dire che ci si sta portando dietro un karma negativo dalle vite precedenti, o, per usare un concetto cristiano, che si ha ‘peccato’. Quando il Dalai Lama dice che ‘altrimenti non serve a molto’ intende che se si dovesse reincarnare in una forma non bella vorrebbe dire che quanto ha fatto finora non è stato positivo. Purtroppo – conclude Giliberto – i media sono più interessati al gossip che a temi importanti come la questione tibetana e l’esilio”.

Dynamic 1

A inizio settembre il governo cinese aveva pubblicato un documento sul Tibet nel quale difende il suo diritto in relazione alla scelta del successore del Dalai Lama. Il Dalai Lama, 80 anni, durante la sua visita nel Regno Unito la scorsa settimana, ha dichiarato che l’istituzione che rappresenta non deve continuare se il popolo tibetano non la considera rilevante e che in ogni caso spetta al popolo la scelta del suo successore. Il leader spirituale si trova ora negli Stati Uniti per un checkup medico, ma ha fatto sapere che non incontrerà i leader mondiali a New York per la settantesima assemblea generale delle Nazioni Unite, dove, tra l’altro il presidente della Cina Xi Jinping, farà il suo debutto al palazzo di Vetro. 24 settembre 2015

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile