Top

Palestina, folla e tensione ai funerali del detenuto morto

In migliaia a Hebron per i funerali di Arafat Jaradat, il giovane morto sabato in una cella nella prigione israeliana di Megiddo. Verso una nuova Intifada?

Palestina, folla e tensione ai funerali del detenuto morto

Desk

25 Febbraio 2013 - 14.27


Preroll

Migliaia di palestinesi sono convenuti nel villaggio cisgiordano di Sair (Hebron) per partecipare alle esequie solenni di Arafat Jaradat, il giovane morto sabato in una cella nella prigione israeliana di Megiddo (Galilea). La sua salma è giunta a Sair da Hebron a bordo di un veicolo dell’Anp, avvolta nella bandiera nazionale e scortata da ufficiali della sicurezza palestinese. Fra i presenti, dirigenti dell’Anp incluso il ministro per i prigionieri Issa Karake che ieri ha accusato Israele di essere responsabile della morte di Jaradat “per sevizie”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Tra la gente abbondano le bandiere di al-Fatah, il movimento in cui militava Jaradat. Nel villaggio la sua immagine viene esposta assieme alla scritta: “Il martire dei prigionieri”. L’esercito israeliano è presente in forze nella zona circostante, nel timore di incidenti. Finora si ha notizia di lanci sporadici di sassi da parte di dimostranti nei confronti di pattuglie di militari.

Middle placement Mobile

“Israele vuole creare il caos nei Territori”: lo ha affermato il presidente palestinese Abu Mazen, commentando la situazione creatasi nei Territori in seguito alla morte del giovane Arafat Jaradat nella cella di una prigione israeliana. “Gli israeliani vogliono il caos, lo sappiamo, ma noi lo impediremo” ha aggiunto Abu Mazen.

Dynamic 1

Il braccio armato di al-Fatah, le Brigate dei martiri di al-Aqsa, hanno promesso di vendicare la morte di un detenuto palestinese in un carcere israeliano. “Questo crimine orribile non resterà impunito, promettiamo all’occupante sionista di rispondere”, è scritto in un comunicato delle Brigate distribuito durante i funerali di Arafat Jaradat, 30 anni, nel suo paese d’origine, Sair, vicino Hebron.

Il premier Benyamin Netanyahu é impegnato oggi in consultazioni per analizzare gli sviluppi sul terreno, mentre in Cisgiordania l’esercito israeliano ha adottato misure speciali di sicurezza in concomitanza con i funerali dell’attivista palestinese Arafat Jaradat, morto sabato in circostanze sospette in una prigione israeliana. Ieri Israele aveva lanciato un perentorio monito all’ Autorità nazionale palestinese affinché provveda a mantenere l’ordine nelle zone autonome dei Territori, dove divampa la protesta popolare alimentata dall’accusa a Israele di aver seviziato a morte Jaradat. Netanyahu – aggiunge l’ufficio del premier – ha intanto ricevuto oggi l’emissario del Quartetto, Tony Blair.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage