Il commissario Cagliostro sventa intrighi tra i vivi nella "Porta rossa"

Da mercoledì su Rai2 la seconda edizione della serie con Lino Guanciale e Gabriella Pession in una Trieste fitta di misteri

Lino Guaciale nella "Porta rossa" ® Gabriele Crozzoli

Lino Guaciale nella "Porta rossa" ® Gabriele Crozzoli

GdS 11 febbraio 2019Giornale dello Spettacolo
Il commissario Cagliostro torna sul teleschermo. Con Lino Guanciale e Gabriella Pession come sua moglie Anna, stavolta incinta e in attesa di una bambina. La seconda edizione della serie con la regia di Carmine Elia va in onda in sei serate in prima visione su Rai2 alle 21.20 da mercoledì 13 febbraio.

La storia, ideata da Carlo Lucarelli e Giampiero Rigosi, vede Cagliostro morto ma rimasto tra i vivi. Ha scoperto chi lo ha ucciso, ha salvato la moglie, sta per varcare la porta rossa e andare nell'al di là ma il suo "mentore incontrato nella dimensione spirituale, Jonas (Andrea Bosca), si risveglia dal coma". Da lì si accumulano interrogativi, enigmi, misteri anche sul suo passato e la sua famiglia, indagini. Possono vedere Cagliostro solo due persone: Vanessa (la medium, con il volkto di Valentina Romani) e la madre Eleonora. Il tutto si svolge a Trieste, e in una Trieste benestante che nasconde intrighi. E nel processo sull'omicidio di Cagliostro il capo di Cagliostro stesso, Rambelli, accusa infondatamente la moglie Anna e il presunto amante di lei.
Questa la sinossi. Del cast fanno parte anche Antonio Gerardi, Fortunato Cerlino, Elena Radonicich, Ettore Bassi, Gaetano Bruno, Antonia Liskova, Carmine Recano, Cecilia Dazzi. Una coproduzione Rai Fiction e Velafilm con Garbo Produzioni