Lo storico Gobetti: “Foibe, media e istituzioni ripetono slogan e fake news dei neofascisti”

Lunedì 10 è il Giorno del ricordo: “La destra attacca ogni storico che fa ricerca seria e non ci sono reazioni. Si preferiscono le notizie create dal fascismo e dal nazismo e si occultano i crimini italiani”

Recupero di corpi nella foiba di Monrupino. Fonte: Wikipedia

Recupero di corpi nella foiba di Monrupino. Fonte: Wikipedia

redazione 8 febbraio 2020Culture
Chiara Zanini

Come sempre da quando nel 2004 è stato istituito il 10 febbraio come Giorno del ricordo per conservare la memoria delle vittime delle foibe, gruppi di estrema destra tentano di ostacolare le iniziative volte a ripristinare la verità storica. In questi giorni è toccato allo storico Eric Gobetti, invitato a tenere una lezione in una circoscrizione di Torino. L'abbiamo intervistato.

Dottor Gobetti, Lei è uno storico, tra i massimi conoscitori della Storia della Jugoslavia. Perché e in che modo è stata contestata la sua presenza ad un'iniziativa pubblica nella sua Torino?
Due gruppi neofascisti, Casa Pound e un altro legato a Fratelli d'Italia, il cui leader torinese è attualmente in prigione per voto di scambio mafioso con la 'Ndrangheta, mi hanno accusato di “negazionismo” delle foibe. Hanno minacciato di impedire un mio intervento in un convegno pubblico presso una sala della circoscrizione. L'incontro si è tenuto lo stesso grazie alla solidarietà di centinaia di persone che sono accorse per dare il loro sostegno e ascoltare la lezione.

L'attacco che ha subito è grave, ma cosa comporta più in generale occuparsi, da storico, di ricostruire la verità sulle foibe, in un periodo in cui molti ormai parlano solo per slogan e manipolano la realtà?
Ormai qualunque storico si occupi in maniera seria del tema viene tacciato di negazionismo, o quantomeno di “riduzionismo”. Quello che è successo a me, avviene ogni anno a febbraio a quasi tutti i miei colleghi. Il problema non è la destra neofascista, ma il fatto che i loro slogan, le loro cifre, sono le stesse ripetute dai media e dai rappresentanti istituzionali, anche quelli non di destra. Si tratta ormai di una sorta di “verità di stato” intoccabile, che trae origine dalla propaganda fascista e nazista. Per questo i neofascisti si sentono autorizzati ad agire con questa violenza intimidatoria: non temono reazioni istituzionali, perché sanno che le istituzioni difendono la “loro” storia, non i risultati della ricerca scientifica, basati sui fatti e sulle fonti.

Sta per pubblicare un libro proprio sulla storia delle foibe, edito da Laterza. Cosa c'è di vero e cosa di falso nel dibattito legato al cosiddetto Giorno del ricordo? Qual è il negazionismo che dovrebbe preoccuparci?
Il libro ha un'impostazione volta a smentire le numerose fake news storiche sul tema delle foibe e dell'esodo. Sono molte e complesse: dalla descrizione di una terra “italiana da sempre” (perché appartenuta all'Impero romano 2000 anni fa!) alla pulizia etnica, dalla volontà di sterminio contro persone “uccise solo perché italiane” all'espulsione forzata, fino alla “congiura del silenzio” che sarebbe stata propria della sinistra comunista. Ma l'aspetto più grave è la totale dimenticanza dei crimini commessi dal fascismo e dall'esercito italiano in quei territori nei 25 anni precedenti. Su questo, sì, esiste un totale oblio, voluto da tutti gli schieramenti politici.

Pensa di agire per via legale?
Non credo ci siano gli estremi, purtroppo. L'accusa di “negazionismo” è infamante e lesiva della mia dignità e della mia professionalità, ma temo che sia difficile ottenere giustizia in sede legale. Per quanto riguarda poi le violente ingiurie sui social network, purtroppo già lo scorso anni i carabinieri mi avevano sconsigliato di sporgere querela, sostenendo che non fosse possibile individuare con certezza gli autori delle ingiurie. Ci sto pensando, ma per ora temo non ci sia abbastanza protezione legale rispetto a questo tipo di offese e minacce.

Ci sono Comuni che per questa ricorrenza hanno scelto di proiettare il film Rosso Istria. Lei l'ha visto? Cosa ne pensa?
Questo film rappresenta una evoluzione in peggio del precedente “Il cuore nel pozzo”. Contribuisce enormemente a diffondere paura e odio attraverso un immaginario razzista e una costruzione del racconto ben poco attinente alla realtà. Ma quello che più conta è che gli eroi di questo film, le vittime con cui lo spettatore è chiamato a identificarsi, sono tutti fascisti conclamati, che appaiono in camicia nera, inneggiano al duce e attendono la liberazione da parte dei nazisti. Questa è la parte più veritiera del film (naturalmente riguardo a quelle specifiche vittime raffigurate, ovvero la famiglia di Norma Cossetto, non a tutti gli infoibati), ma contribuisce a trasmettere l'idea che il comunismo non sia solo assimilabile al fascismo (come ha recentemente sostenuto anche in via ufficiale, il parlamento europeo), ma sia assai peggio. Insomma, questo è un film co-prodotto dalla Rai, ma sembra un film di propaganda nazista, con tutti quei bei soldati tedeschi che arrivano a liberare le vittime innocenti del comunismo!

Anche lei ha utilizzato il cinema come strumento di divulgazione per raccontare la storia attraverso due documentari e ha lavorato anche per la Rai. Lo farà ancora?
La realizzazione dei miei due documentari (Sarajevo Rewind e Partizani) è stata una meravigliosa avventura, ma si è rivelata anche un'impresa improba. Fare documentari indipendenti in Italia è pressoché impossibile. Per quanto riguarda la Rai, mi piacerebbe avere l'opportunità di collaborare ancora, ma da qualche anno non sono più stato contattato e temo che le accuse infamanti di cui sono oggetto abbiano un ruolo. Vedremo. Io sarei ben contento di poter affrontare in televisione alcuni dei tanti temi di cui mi sono occupati in questi anni.