Paola Egonu: "Chiusa in casa per il coronavirus, cerco di guardare i lati positivi”

In un’intervista, la pallavolista di origine nigeriane racconta la sua quarantena.

Paola Egonu

Paola Egonu

Globalsport 7 aprile 2020Globalsport

Paola Egonu, intervistata al Corriere della Sera, parla di come affronta le sue giornate durante la quarantena: ''Mi riposo e studio: ho appena dato l'esame di psicologia sociale, il prossimo sarà economia aziendale. Ci sono giornate che volano e altre che non passano mai. Ma in questa situazione è normale avere sbalzi. Cerco di distrarmi''. 


Paola ha 21 anni è veneta di Cittadella e gioca nel ruolo di schiacciatrice e opposto nell'Imoco e nella Nazionale italiana di Mazzanti. 


Anche lei, chiusa in casa come tutti gli italiani, passa il tempo cucinando: “Per non sbagliare i piatti nigeriani chiamo mamma, sul resto me la cavo: ho sfornato un filetto con le patate squisito -poi continua- posto foto su Instagram, il mio social preferito: un messaggio solo di testo non mi basta, potrebbe essere frainteso, con le foto invece mi faccio capire meglio. E guardo i cartoni di Tom & Jerry''. 


E dopo aver analizzato il problema della mancanza del parrucchiere e le sue numerose acconciature, esamina gli aspetti postivi della quarantena: ''Sto molto con me. Abbiamo una chat con le compagne di squadra, ma non ci sentiamo tutti i giorni. Sono sempre in contatto con Miriam Sylla: con lei c'è un'amicizia che va oltre il campo. Ci si tira su a vicenda, ci si vuole bene'', ma la cosa che più le manca è il contatto fisico con le persone: “Abbiamo tutti bisogno di affetto e amore, in fondo''. E sull'amore: ''Se penso all'amore oggi il pensiero va ai miei genitori, ai miei fratelli e alla mia amica Mara: l'ho conosciuta quando giocavo a Novara, non ci siamo mai perse''.


Infine, parlando dei propri genitori racconta della loro situazione a Manchester, dove vivono soli: ''Sono chiusi in casa, come noi. Mi fanno mille raccomandazioni ma io esco pochissimo, solo per fare la spesa, e sempre con la mascherina e i guanti".