Eni Aluko lascia la Juve e l'Italia: a Torino sono circondata dal razzismo

La calciatrice britannica di origini nigeriane denuncia i continui controlli all'aeroporto, i negozianti che la guardano come una ladra e spiega perché farà le valigie

Eni Aluko

Eni Aluko

globalist 29 novembre 2019

In Italia non c’è fascismo e non c’è razzismo. A furia di sottovalutare ormai la discriminazione è entrata nelle abitudini di molti. Poi ci si meraviglia se qualcuno reagisce: "A volte Torino sembra un paio di decenni indietro nei confronti dei differenti tipi di persona. Sono stanca di entrare nei negozi e avere la sensazione che il titolare si aspetti che ruba". 



La calciatrice Eni Aluko ormai ha deciso: lascia la Juventus, lascia Torino, lascia l'Italia. Per quella orrenda sensazione che talvolta (o spesso, o quasi sempre) si è sentita addosso. Razzismo: è questa la parola giusta. Tornerà in Inghilterra, ma prima di trasferirsi ha rilasciato una (pesantissima) intervista al The Guardian.
L'attaccante nigeriana e naturalizzata britannica (che ha anche affermato che spesso, atterrata all'aeroporto di Torino, i cani antidroga l'hanno "fiutata come fossi Pablo Escobar") ha voluto precisare di non avere avuto "alcuna esperienza di razzismo dai tifosi della Juventus né nel campionato di calcio femminile", ma ha voluto evidenziare che "il tema in Italia e nel calcio italiano c'è ed è la risposta a questo che veramente mi preoccupa, dai presidenti ai tifosi del calcio maschile che lo vedono come parte della cultura del tifo".
La giocatrice ha invitato la società, per continuare ad attrarre i talenti dell'Europa dall'Italia, a "farli sentire a casa".
 Questa, ha concluso, "è una parte importante di un progetto a lungo termine".


 Lei, comunque, non tornerà indietro. La decisione è stata presa. Sabato, contro la Fiorentina, Eni Aluko giocherà la sua ultima partita con la maglia della Juventus Womens. L'ultima partita a Torino. L'ultima partita in Italia.