Justin Kluivert sul razzismo nel mondo del calcio: "Inaccettabile piaga da sradicare"

Il calciatore della Roma: "Un conto è la rivalità sportiva, calcistica, tra opposte tifoserie. Altro è rivolgere offese razziali ad un avversario"

Justin Kluivert

Justin Kluivert

globalist 8 novembre 2019
Inaccettabile, una piaga da sradicare. Justin Kluivert si esprime così in merito al problema razzismo nel mondo del calcio.
"E' davvero un peccato che in questo momento in Italia si parli un po' troppo spesso di questi episodi che si stanno ripetendo. E' qualcosa di inaccettabile" spiega l'esterno della Roma intervistato nel match program giallorosso in vista delle trasferta della squadra di Fonseca a Parma.
Il turno di campionato arriva dopo il brutto episodio di Verona, con i buu razzisti indirizzati a Balotelli da parte di alcuni tifosi del Verona. "Un conto è la rivalità sportiva, calcistica, tra opposte tifoserie. Altro è rivolgere offese razziali ad un avversario - sottolinea l'ex giocatore dell'Ajax -. E' inaccettabile e per certi versi anche stupido, probabilmente chi lo fa non si rende conto di come venga percepito l'insulto dalla persona che ne diviene oggetto. La speranza è che tutti insieme possiamo fermare e sradicare questa piaga".