Olimpiadi all'Italia e al Tg2 la raccontano come una vittoria di Salvini

Salvini avvolto nel tricolore che qualche anno fa voleva usare come carta igienica apre il servizio del Tg2 dedicato alle Olimpiadi

Salvini con il tricolore

Salvini con il tricolore

globalist 24 giugno 2019

di Adelmina Meier 
Aspettiamoci di sentire il parere del ministro dell'Interno sulle zanzare in estate e sulle meduse in mare. Se occorre, perchè no? Scommesse aperte che ce l'offrirà il Tg2, il telegiornale che non si scorda mai di Salvini. Lui, il leader della Lega c'è sempre, interviene su tutto ed è sentito su ogni cosa.
Oggi gli è toccata l'apertura del servizio di reazioni all'assegnazione delle Olimpiadi invernali del 2026 a Milano e Cortina. Intervista anticipata dalle immagini social del ministro dell'Interno che con una mano abbracciava quel tricolore che un tempo pensava a rotoli, nel bagno di casa, e con l'altra faceva un gesto di vittoria. Le Olimpiadi a Milano e Cortina? Opera sua. Avete dubbi? Il Tg2 no, e vorrebbe che anche voi non ne aveste. Il Tg2 c'è per questo, per convincervi che siamo nelle mani di Lui, e che per questo possiamo dormire notti tranquille.
Che importa se il Paese va a rotoli, l'importante che quotidianamente, almeno due volte al giorno, ci venga propinato il suo santino. Stasera il Tg2 era in versione breve perchè subito dopo ci sarebbe stata la diretta di Francia-Romania, incontro che decide se gli azzurri under 21 andranno avanti o dovranno tornare a casa. Tg ridotto, magari costretto a sacrificare qualcosa, ma certo non disposto a sacrificare il Salvini pensiero. Su tutto, Salvini. Oggi sulle Olimpiadi, domani chissà, magari su una nuova tecnica chirurgica. Su questo piano, in effetti, ci siamo andati vicini quando il ministro dell'Interno (a volte del Lavoro per fare l'ennesimo sgarbo a Di Maio) era pronto a sterilizzare la donna rom, ladra di professione, rea di avere una schiera di figli. Ma sulle pratiche mediche ci torneremo, oggi era tempo di sciare sul successo del sorteggio di Losanna. E il Tg2 c'era, ci sarà come sempre c'è stato al fianco di Lui.