Gattuso replica alle critiche di Salvini: pensi alla politica con tutti i problemi che ci sono

Il leghista si era lamentato perché non c'erano stati cambi. Ringhio non ci sta: Ha cominciato con Higuain, ora è un'abitudine, poi i biglietti del derby, continuiamo così allora

Gattuso

Gattuso

globalist 25 novembre 2018

Ringhio ringhia. Soprattutto se davanti ha un presuntuoso che pensa che facendo il macho conquisterà ancora più consensi tra i beoti che gli vanno dietro.

Duro botta e risposta tra Gennaro Gattuso e e il ministro xenofobo del Viminale, aspirante ducetto della Padania e di Roma padrona.
Salvini in tribuna all'Olimpico per assistere alla gara, ha commentato così il pari dei rossoneri, lanciando una frecciatina al tecnico: "Fossi stato in Gattuso avrei fatto qualche cambio, i giocatori erano stanchi, non capisco per quale motivo non abbia cambiato qualcosa nel secondo tempo. Comunque va bene così”.
Sferzante la risposta del mister, che non usa mezzi termini: "Salvini si lamenta perché non ho fatto cambi? Sentite, io non parlo di politica perché non capisco nulla. A lui dico di pensare alla politica perché con tutti i problemi che abbiamo nel nostro Paese, se il vicepremier parla di calcio significa che siamo messi male”.
Ha poi aggiunto Gattuso: “Questo è un Paese incredibile. Salvini si lamenta perché non ho fatto i cambi? Ha cominciato con Higuain, ora è un'abitudine, poi i biglietti del derby, continuiamo così allora”.