Top

Insulti razzisti: l'arbitro lascia correre e Muntari abbandona il campo

Spiacevole episodio durante Cagliari-Pescara. Zeman: Si fanno tante chiacchiere ma poi ci si passa sopra

Muntari ha ricevuto insulti razzisti durante la gara

globalist

30 Aprile 2017


Preroll

Un brutto episodio. Sia per il comportamento razzista di alcuni tifosi, sia per la leggerezza dell’arbitro. Così Muntari ha abbandonato il terreno di gioco prima della fine di Cagliari-Pescara. Un gesto di protesta sacrosanto.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Facevano i cori contro di me da subito, nel primo tempo ho visto che nel gruppetto c’erano dei bambini e allora mi sono rivolto ai genitori e ho dato loro la mia maglia, per dare l’esempio. Poi in curva la cosa è continuata con un altro gruppo di tifosi: io stavo ragionando con loro, ma l’arbitro mi ha detto che dovevo lasciare perdere. E li’ mi sono arrabbiato. Perché anziché fermare la partita se l’èpresa con me?”. Così Muntari al termine della partita Cagliari-Pescara commentando la decisione di abbandonare il campo. “I tifosi hanno sbagliato ma l’arbitro – ha chiarito il giocatore – doveva fare qualcosa di diverso, non accusare me. Io non sono una vittima. Ma se si fermassero le partite sono convinto che queste cose non siccederebbero più”.

Middle placement Mobile

Zeman: “Muntari ha sentito cori razzisti e ha chiesto di intervenire. Facciamo tante chiacchiere e poi ci si passa sopra”.
Il presidente del Cagliari: non ho sentito cori
“Cori non ne abbiamo percepiti, non abbiamo saputo nulla né dall’arbitro né dall’addizionale: riteniamo che la tifoseria cagliaritana non sia razzista. Non ci è stato notificato nulla. Penso che tutto sia legato a un alterco con la curva seguito poi dal confronto del giocatore con l’arbitro”. Così il vicepresidente del Cagliari Stefano Filucchi al termine della partita con il Pescara commentando la clamorosa protesta di Muntari.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage