Il cdr di Raisport durissimo con il Napoli: vogliamo le scuse

La società di De Laurentiis aveva invitato i tifosi a togliere l'audio criticando la telecronaca

Polemiche dopo Juventus Napoli

Polemiche dopo Juventus Napoli

globalist 1 marzo 2017

Che dire: se si facesse una classifica sulla base della simpatia dei presidenti e degli atteggiamenti societari il Napoli arriverebbe tranquillamente in Chiampions, a dispetto di una tifoseria gioiosa e ironica come poche.
Nel frattempo non si placano le polemiche tra il Napoli e Rai Sport. Ieri sera subito dopo la partita di Coppa Italia tra Juventus e Napoli e trasmessa su RaiUno la società partenopea aveva invitato su Twitter i propri tifosi 'a togliere l`audio della telecronaca'.
Rai Sport non ci sta e con un comunicato diramato dal CdR di Raisport, il Fiduciario e il Segretario dell`Usigrai ha stigmatizzato il comportamento del Napoli Calcio. "L`atteggiamento della Società partenopea - si legge nel comunicato - che con un tweet ha invitato i propri tifosi `a togliere l`audio della telecronaca`, è inammissibile e gravemente lesivo non solo della Rai, ma anche di chi in quel momento stava svolgendo con grande professionalità il proprio lavoro: telecronista, commentatore tecnico, bordocampista, tecnici, montatori e tutti i lavoratori della Rai impegnati nell`evento. Ricordiamo che la regia e la produzione delle immagini delle partite della Coppa Italia non sono affidate alla nostra Azienda. Invitiamo pertanto l`Azienda stessa ad agire in maniera tempestiva nei confronti del Napoli Calcio per ottenere non solo delle scuse pubbliche, ma anche per raggiungere un clima che consenta in futuro ai nostri inviati e corrispondenti di poter svolgere le proprie mansioni in tranquillità al San Paolo e nell`ambito del Napoli calcio".
"Troviamo al tempo stesso inammissibile che un ospite, pagato o meno, di una qualsivoglia trasmissione di Raisport si permetta poi - come avvenuto per esempio ieri sera - di attaccare sui social le professionalità della nostra testata e di conseguenza dell`Azienda" conclude la nota.