Il Milan soffre, ma batte il Crotone 2 a 1

Prosegue la marcia del Milan di Montella che ha vinto, grazie a un gol di Lapadula, l'anticipo delle 12.30: ora è di nuovo a 4 lunghezze dalla Juventus.

Milan Crotone

Milan Crotone

globalist 4 dicembre 2016

Il Milan di Montella continua a vincere.  Quella ottenuta contro il Crotone oggi a San Siro è  la nona vittoria nelle ultime dodici, con una media punti che autorizza a pensare in grande. I rossoneri blindano il secondo posto, a sole 4 lunghezze dalla Juventus capolista.


Il Milan ha sofferto ma nonostante ciò è riuscito a portare a casa i tre punti. Grazie a una zampata furiosa di Gianluca Lapadula, l’emblema perfetto di questo Milan: forse un po’ sporco, non bellissimo da vedere, ma sicuramente orgoglioso e convinto. Sotto di un gol nel primo tempo, il Milan di Montella ha saputo reagire e portare a casa la vittoria. E l’uomo in più è proprio Lapadula: per l’ex Pescara oggi era una gara importante, quella della conferma dopo la scintillante doppietta di Empoli: un gol da tre punti nonostante qualche errore di troppo. E per confermare la media realizzativa più alta della serie A in relazione ai minuti giocati (1 rete ogni 84'). Non male per un giocatore che veniva considerato solo l’alternativa di Bacca.


Il Milan fa sul serio, adesso quello di lunedì 12 dicembre con la Roma diventa a tutti gli effetti uno spareggio Champions. Per Montella, però, ci sarà da  lavorare su due fronti: in primis sul recupero mentale e fisico di Niang. Il francese non ne azzecca una dalla partita contro il Chievo Verona, la squadra ha bisogno della sua versione migliore per continuare su questi livelli. Atro fattore è quello relativo ad alcuni problemi in fase di costruzione:  Bonaventura è l’unico in grado di dare qualità alla manovra, l’ambiente rossonero incrocia le dita per recuperarlo dall’infortunio, le sensazioni sono comunque positive.


Montella lancia la sfida alla Roma. "Il primo tempo è stato meglio del secondo come velocità e qualità – ha detto Montella a Sky Sport -, poi pian piano la squadra ha perso lucidità, ma è venuta fuori la rabbia agonistica e l'unione della squadra. Abbiamo avuto tante occasioni, la vittoria è alla lunga meritata. Il Crotone ha fatto una grande partita e faccio i complimenti a loro ma soprattutto al Milan, è stata una vittoria sofferta e difficile e a volte queste partite rischi di perderle". Lapadula "è una bella favola – ha aggiunto Montella - e la sta trasferendo anche agli altri, in due mesi gli stanno cambiando prospettive e status e questo se l'è guadagnato con il sudore. Se lo merita, questa rabbia agonistica non l'abbandonerà mai e la trasferirà agli altri. Se giocherà titolare quando torna Bacca? Me la sono cercata - sorride -. Fino a due mesi fa doveva ancora debuttare in serie A, ora ha dimostrato di poter giocare con il Milan, con o senza Bacca, sta meritando questa maglia. I miei meriti sono minimi, ha delle qualità. Deve sapersi gestire nella preparazione alle partite, ma ha sempre dimostrato di avere qualità". Il tecnico rossonero poi ha lanciato la sfida alla Roma: “Sarà interessante la partita di lunedì prossimo, a questo punto, con la Roma. Non ho ancora guardato la classifica, vogliamo essere il Milan, una squadra che migliora ogni partita e ogni allenamento, che ha un'alta ambizione, che abbia voglia di prepararsi per migliorare più che per vincere”