Agente Zarate: Con Lazio situazione paradossale

A gennaio il giocatore sembrava dovesse passare alla Dinamo Kiev, poi sono emersi problemi con Lotito. Adesso forse la possibilità si potrebbe riaprire, Lotito permettendo.

Mauro Zarate

Mauro Zarate

redasport 7 febbraio 2013

Va, non va, forse va. L’approdo di Mauro Zarate dalla Lazio alla Dinamo Kiev prende sempre più i connotati di una telenovela senza fine. Al mercato di gennaio l’attaccante stava per trasferirsi in Ucraina, poi sono sorti problemi con la Lazio. Adesso, forse, non è detta l’ultima parola perché in Ucraina il mercato chiuderà solo a fine mese. L'agente del giocatore, Luis Rizzi, ne ha parlato a Calciomercato.it ha rivelato che: “E’ vero che ho incontrato il presidente Lotito, ma è stato un incontro tutto causale al ristorante – ha detto l’agente del giocatore -. Per quanto riguarda Zarate, comunque, la situazione è in fase di stallo. C’è un'offerta della Dinamo alla Lazio e da parte nostra la piena disponibilità al trasferimento. Chi scrive o dice che siamo noi a creare problemi, afferma il falso. Abbiamo un accordo con il club ucraino già da tempo e siamo soltanto in attesa di capire cosa decideranno le società”.

Rizzi ha poi aggiunto: “Abbiamo chiesto in passato il reintegro e non ci è stato concesso, infatti il giocatore continua ad allenarsi da solo. Abbiamo chiesto la rescissione del contratto: niente. Abbiamo chiesto la cessione: niente. Nulla è cambiato. E' vero che i calciatori sono pagati tanto e che hanno dei doveri ma hanno anche dei diritti. Tra l'altro nemmeno gli viene corrisposto da tempo lo stipendio e, anche da questo punto di vista, non abbiamo posto alcun problema. Però, adesso, questa situazione è assolutamente paradossale".