Top

Le Monde chieda scusa alla Lazio e ai suoi tifosi

La polemica innescata dal giornale francese sulle nuove magliette della squadra italiana non è piaciuta ai tifosi [Giancarlo Governi].

Le Monde chieda scusa alla Lazio e ai suoi tifosi

Desk2

17 Settembre 2015 - 14.16


Preroll
di Giancarlo Governi

Ci mancava pure Le Monde, il serioso e serio Le Monde, a inserirsi in una polemica dolorosa e priva completamente di fondamento che tanto male ha fatto al mondo laziale, che ha dovuto sopportare le intemperanze dei suoi tifosi ultras che hanno infangato la storia e la bandiera della Lazio come quella di tante altre società di calcio italiane e anche del resto d’Europa, soprattutto negli anni Novanta e nei primi anni Duemila, quando le Curve erano diventate la palestra della propaganda nazifascista. In quegli anni era tutto un pullulare di svastiche, di scritte razziste antisemite e anche di dileggi razzistici.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Nella Curva Nord, quella laziale, ma anche nella Curva Sud, quella romanista, e praticamente in tutte le Curve italiane, con l’unica eccezione della Curva livornese dove si inneggiava a Stalin. Le Curve in quegli anni sono una specie di zona franca, dove tutto è permesso, dai cori razzisti, alla esposizione delle svastiche, in una selva di saluti romani. Senza che la società riuscissero a fare qualcosa per mettere fine a questo scempio. Ci penseranno i regolamenti severi, l’inasprimento delle leggi, le multe e le squalifiche, ad arginare e anche a mettere la parola fine su tali manifestazioni di inciviltà. L’espulsione dagli stadi ha fatto sì che le intemperanze politiche e razziste oggi si manifestino fuori dagli stadi, come accadde un anno e mezzo fa quando un tifoso romanista, abbeverato al credo della svastica e del saluto romano aggredì i tifosi del Napoli e oggi è accusato di omicidio.

Middle placement Mobile

I tifosi della Lazio, quelli veri, si opposero con tutte le loro forze a questa deriva di estrema destra. E forse sono stati gli unici in Italia. I tifosi migliori, tutti democratici e antifascisti con in testa l’ex Sindaco di Roma e ministro della Repubblica Francesco Rutelli e l’assessore alla Cultura Gianni Borgna, oltre ad autorevoli giornalisti e scrittori e artisti, all’indomani di una vergognosa esibizione degli ultras laziali contro gli ultras livornesi (era il 10 aprile del 2005), si recarono in massa dal presidente Lotito per sollecitarlo a prendere una posizione netta e decisa nei confronti della frangia nazifascista che pure era in netta minoranza all’interno dello stesso movimento ultras, forse vellicata e incoraggiata dal giocatore Paolo Di Canio che anche per questo fu liquidato quando ancora poteva dare molto alla squadra dal punto di vista tecnico.

Dynamic 1

Non ci risulta che altre tifoserie abbiano preso una posizione così decisa come fece quella laziale. Eppure il marchio di tifoseria fascista alla Lazio è rimasta e sembra incancellabile se anche il serio e autorevole Le Monde lo ritira fuori per commentare il colore di una maglia da trasferta adottata dallo sponsor tecnico della Lazio. Un colore oggi di moda nel calcio (vedi Juventus e anche Paris Saint Germain, che gioca nella stessa città dove ha sede Le Monde) e che non può suggerire pensieri e retropensieri politici. Soprattutto per una società antichissima, nata sulla spinta degli ideali olimpici sottolineata dalla scelta dei colori della Grecia.
In tutta questa faccenda sorprendono due cose: la disinformazione di un quotidiano che è sempre stato l’esempio della corretta informazione e del giornalismo equilibrato e autorevole; e soprattutto che il corrispondente da Roma che ha scritto l’articolo abbia riportato un pregiudizio superato e si sia inserito nelle chiacchiere da bar.

Da Le Monde, noi laziali democratici e antifascisti e civilissimi, insieme alla Società che pure ha dato il suo contributo a questa pulizia morale della Curva (non dimentichiamo che la Lazio è stata la sola società a far scendere in campo la squadra con la scritta “No al razzismo” sulla maglia), ci aspettiamo due righe di scusa.

Dynamic 2

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage