Top

Un’altra sconfitta per il Cagliari: 1 a 2 con il Verona

Commento, pagelle e tabellino della partita [Laura Puddu]

Un’altra sconfitta per il Cagliari: 1 a 2 con il Verona

Desk2

1 Marzo 2015 - 16.32


Preroll

Era una partita che imponeva solo un risultato, la vittoria, e invece è arrivata la sconfitta. Il Cagliari perde al Sant’Elia contro il Verona, 1 a 2 il risultato finale. Gli ospiti passano in vantaggio all’8° minuto con Toni e raddoppiano al 55° con Gomez. Il gol dei sardi è messo a segno da Conti al 90° su punizione. Sconfitta meritata per i rossoblù, che sono privi di idee e di gioco e non reagiscono neanche nella seconda frazione, sul 2 a 0, se non con azioni confuse o lanci lunghi. La rete del capitano purtroppo arriva troppo tardi e sfumano così i tre punti necessari.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Rossoblù in campo con il 4-3-2-1 con Brkic tra i pali, Gonzales, Rossettini, Diakitè e Murru in difesa, Dessena, Conti e Donsah a metà campo, davanti Ekdal e Mpoku dietro Longo. Dunque, ci sono parecchie novità per il Cagliari di Zola, rispetto alla partita di lunedì contro l’Inter: esordio di Diakitè al centro della difesa al posto di Capuano, Murru sulla fascia sinistra al posto di Avelar e sulla destra Gonzales per Dessena, che sale invece centrocampo e gli fa spazio Crisetig. Torna poi Ekdal sulla trequarti. Ospiti con il 4-3-3 con Sala, Toni e Jankovic in attacco.

Middle placement Mobile

Pronti-via, passano otto minuti e gli ospiti vanno in vantaggio con Toni, poi Zola è costretto a sostituire l’infortunato Donsah con Joao Pedro, ma il Cagliari nel primo tempo non riesce a portarsi in parità. Poche idee, gioco quasi assente, solo Mpoku tenta di mettere un po’ di qualità, con il Verona poi che difende in nove con il solo Toni in avanti. Nella seconda frazione, dentro Farias per Gonzales con Dessena che scala sulla linea di difesa ma sono i veronesi a segnare ancora, portandosi sul 2 a 0. Il tecnico rossoblù manda allora in campo Cop per Dessena, ma la reazione del Cagliari che ci aspetta non si vede, se non con qualche palla buttata in area al termine di azioni confuse. I pericoli creati sono davvero minimi, la rete rossoblù arriva al 90° grazie a una punizione di capitan Conti, complice la barriera avversaria, ma ormai è troppo tardi.

Dynamic 1

Dovevano arrivare i tre punti, così non è stato. Alla fine della gara, anche la contestazione dei tifosi alla squadra. Il cammino, già in salita, diventa sempre più tortuoso.

Dynamic 2

[b] Le pagelle rossoblù: [/b]

Brkic 6: sempre attento, quando è chiamato in causa (poco a dire il vero) risponde bene, dando sicurezza al reparto. Non pare avere colpe sui gol.

Dynamic 3

Gonzales 5: rientra come titolare permettendo a Dessena di giocare più avanti, ma non brilla. Soffre in difesa e soprattutto non spinge in fase offensiva. Al suo posto Farias 5.5: ogni tanto si accende e dà vita alla manovra del Cagliari, gli manca però sempre il guizzo finale.

Rossettini 5: condizionato dall’errore in occasione della prima rete del Verona all’8° minuto, rimane incerto e sofferente per tutta la partita.

Dynamic 4

Diakitè 5: anche lui condizionato come Rossettini dall’errore sul primo gol, non gioca sicuro. Cerca di impostare ma non ne ha le caratteristiche.

Murru 4.5: fa il suo rientro dopo parecchi mesi ma si dimostra svogliato e disattento. Il suo primo bel cross arriva a fine incontro.

Dynamic 5

Dessena 5: corre e lotta ma, nonostante l’impegno, soffre terribilmente a centrocampo. Al suo posto Cop 5.5: si vede nel finale con una bella giocata dalla quale scaturisce la punizione del 2 a 1. E’ costretto sempre a uscire dall’area per cercare palle giocabili perché Longo occupa lo spazio interno.

Conti 4.5: il capitano è irriconoscibile, lento, falloso e confusionario. Segna la rete della bandiera ma c’è molta responsabilità della barriera avversaria. Sul voto pesa anche il fallo ingenuo sulla trequarti, dove subisce l’ammonizione, da cui poi nasce il secondo gol del Verona.

Donsah s.v.: esce dopo dieci minuti per infortunio. Al suo posto Joao Pedro 4.5: sempre mal posizionato, soffre tantissimo la fisicità avversaria.

Ekdal 5.5/6: l’unico che ci provi a centrocampo, cercando di dare un senso logico alla manovra ma predica nel deserto perché nessuno fa i movimenti per dettare il passaggio.

Mpoku 6.5: il Cagliari è praticamente lui. Crea il panico tra i difensori veronesi, conquista punizioni e tenta il tiro ma non è aiutato dai compagni.

Longo 4.5: fa tanta confusione e sbaglia un gol, l’ennesimo in questa stagione. Cerca sempre la giocata personale ma non gli riesce. Molto falloso.

Zola 4: il Cagliari visto oggi è veramente confusionario, oltre che privo di gioco e di idee. Manda in campo una formazione con tantissime novità tutte assieme e, nel primo tempo, è poi costretto a sostituire Donsah infortunato. Lo fa con Joao Pedro, mentre sarebbe stato meglio qualcuno che possa inserirsi negli spazi, poi rimedia nella seconda frazione inserendo Farias per Gonzales. Oggi nonostante servissero i tre punti senza se e senza ma, la squadra non mostra carattere e aggressività e forse hanno influito proprio le scelte iniziali del tecnico.

TABELLINO:

Cagliari-Verona 1 a 2

Cagliari (4-3-2-1) : Brkic, Gonzales (Farias), Rossettini, Diakitè, Murru, Dessena, Conti, Donsah (Joao Pedro), Ekdal, Mpoku, Longo. Allenatore Zola.

Verona (4-3-3) : Benussi, Pisano, Marquez, Moras, Agostini, Ionita (Obbadi), Tachtsidis, Hallfredsson, Sala (Greco), Toni, Jankovic (Gomez). Allenatore Mandorlini

Arbitro: Valeri di Roma 2.

Reti: 8° Toni, 55° Gomez, 90° Conti.

[GotoHome_Torna alla Home]

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage