Da Fauci messaggio ai sovranisti: "Garantire il vaccino a tutti o ci saranno rischi per le varianti"

L'immunologo americano che fa parte della task force della Casa Bianca per la lotta al coronavirus

Anthony Fauci

Anthony Fauci

globalist 19 febbraio 2021
Un avviso ai sovranisti e a tutti quelli che pensano che dalla pandemia si esca da soli. 
Se non sarà garantito a tutti i Paesi del mondo l'accesso ai vaccini anti-Covid "ci sarà sempre la minaccia che una variante possa emergere ed eludere la protezione del vaccino".
 Lo ha dichiarato Anthony Faucy, l'immunologo americano che fa parte della task force della Casa Bianca per la lotta al coronavirus, commentando le recenti dichiarazioni del primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, secondo il quale una volta vaccinati i restanti 570mila israeliani over 50 "avremo finito con il Covid".
I vaccini distribuiti in Israele si sono finora dimostrati efficaci contro le varianti presenti nel Paese, ha osservato nel corso di un'intervista a 'Times of Israel', ma ha chiarito che ulteriori varianti "potrebbero indebolire la protezione che è stata stabilita".
Fauci ha quindi elogiato la campagna di vaccinazione israeliana, definendola "un modello per il resto del mondo" e sottolineando che "utilizzo Israele come esempio di ciò che può accadere se vaccini una parte significativa della popolazione". L'immunologo, secondo il 'Times of Israel', si è invece lamentato della situazione negli Stati Uniti, dove la distribuzione del vaccino varia da Stato a Stato, pur riconoscendo l'importanza di garantire una certa autonomia. "Ma quando hai a che fare con un nemico comune è molto meglio se fai le cose con un piano strategico", ha affermato.
Per quanto riguarda infine le strategie per arginare la pandemia, Fauci ha sostenuto che i lockdown sono "le più efficaci e rapide", ma devono essere temporanei perché, in caso contrario, si rischia di "distruggere l'economia e il morale" della popolazione.