Mattarella contro No-Vax, stregoni e sponsor politici: credenze anti-scientifiche inaccettabili

Il presidente della Repubblica ha parlato durante la cerimonia al Quirinale di celebrazione de 'I Giorni della Ricerca'.

Sergio Mattarella

Sergio Mattarella

globalist 29 ottobre 2018

complottasti che danno tutta la colpa alle multinazionali farmaceutiche. I guaritori/santoni che contestano la medicina ufficiale sul cancro, sull’Aids e su molte altre patologia. I No-Vax. E poi un esercito di stregoni che speculano sulle paure della gente e che finiscono condannate, come Stamina.
E poi una parte della classe politica - Lega e 5 stelle su tutti - che cavalcano le teorie antiscientifiche per raccattare qualche voto a buon mercato.
Dove andremo a finire? "Le conoscenze sono fondamentali. Ed è importante che si diffondano, che si innalzi insomma il patrimonio di cultura condivisa. Nel tempo della comunicazione immediata e delle connessioni crescenti, è inaccettabile che, accanto alle tante informazioni liberamente disponibili, si diffondano anche credenze anti-scientifiche e illogiche congetture che inducono a comportamenti autolesionisti".
Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la cerimonia al Quirinale di celebrazione de 'I Giorni della Ricerca'. "La scienza medica, la ricerca, l'esperienza maturata nel tempo- aggiunge il capo dello Stato, forse pensando anche al dibattito sui vaccini- aiuta non solo il singolo individuo, ma la comunità nel suo insieme a prevenire malattie e conseguenze pericolose, in primo luogo sulla vita dei bambini. Agire con responsabilità per proteggere la comunità - e dunque il diritto alla salute - è un dovere a cui non e' legittimo derogare. La ricerca, in realtà, sfida la societa' perche' alzi il suo grado di consapevolezza e di responsabilita' comune".