Fornero, la signora lacrime e sangue: "Noi tecnici vigliaccamente usati dalla politica"

I consigli della ex ministra a Giuseppe Conte: "La politica sia fatta dai politici. Noi tecnici veniamo usati e poi scaricati". Infine l'attacco con guanto di velluto a Savona, economista anti euro

Le lacrime della Fornero dopo la riforma sulle pensioni

Le lacrime della Fornero dopo la riforma sulle pensioni

globalist 23 maggio 2018

"Il tecnico viene usato cinicamente e vigliaccamente e poi buttato via e accusato". Il 'memento' arriva da Elsa Fornero che, dai microfoni di Ecg su Radio Cusano Campus, che commenta possibile ritorno dei 'tecnici' al governo: "Questa è la resa. Io che ho fatto parte di un governo tecnico - rivendica - dico che la politica deve essere fatta dai politici. I tecnici vengono usati, lasciati soli e non hanno la possibilità di arrivare a parlare con le persone".


Vorremmo mestamente ricordare alla docente ed ex ministra di Monti che milioni di italiani pagano e pagheranno la sua riforma delle pensioni "lacrime e sangue". Altro che accuse, Allora "non so se avremo un premier tecnico, ma in ogni caso non lo invidio affatto". A poposito, invece, di Paolo Savona come possibile ministro dell'Economia, Fornero dice che "e' stato indubbiamente un economista di valore, anche abbastanza eclettico, non conformista. Ha un curriculum ricco e variegato, passa dall'accademia all'assunzione di responsabilita'. Niente da dire su questo profilo. Puo' essere stato anti-Euro, ma oggi l'Euro c'è , non si torna indietro nella storia. Ha delle buone idee, ma queste idee bisogna discuterle, non brandirle come delle armi. Anche io vedrei con preoccupazione una persona con queste caratteristiche ad occupare il ministero del Tesoro".