La feroce ignoranza di Matteo Salvini

Il numero uno del Carroccio, fingendo di essere nominato premier, ha detto impugnando un rosario: "Giuro di applicare davvero la Costituzione rispettando gli insegnamenti contenuti nel Vangelo".

Salvini con il Vangelo in mano

Salvini con il Vangelo in mano

David Grieco 26 febbraio 2018

"...Ho avuto fame e voi mi avete dato da mangiare. Ho avuto sete e voi mi avete dato da bere. Ero forestiero e voi mi avete ospitato nella vostra casa. Ero nudo e voi mi avete dato i vestiti. Ero malato e voi siete venuti a curarmi. Ero in prigione e voi siete venuti a trovarmi...".
Queste parole, che tutti conosciamo o dovremmo conoscere profondamente, anch'io che sono ateo, sono scolpite nel Vangelo. 
Il Vangelo sarebbe il tomo su cui ha giurato Matteo Salvini, nella sua tracimante, feroce ignoranza.
È questo il fascismo moderno. Persino peggiore del fascismo nostalgico.