Il fascista Traino spara e Giorgia Meloni commenta: questa è l'Italia in mano alla sinistra

La leader di Fratelli d'Italia condanna l'episodio senza parlare del saluto romano o pronunciare la parola razzismo.

Arrestato a Luca Traini

Arrestato a Luca Traini

globalist 3 febbraio 2018

Sembra uno scherzo ma così non è. Quello che ha detto Giorgia Meloni è talmente inverosimile che ci vuole una enorme faccia tosta,. La nostra se ce è uscita (esattamente come dopo la gazzarra di Forza Nuova sotto la sede di Repubblica) con una dichiarazione che è un concentrato di ipocrisia: “Macerata. Italia in piena emergenza sicurezza. Oggi una sparatoria, un gesto folle da criminali squilibrati, senza alcuna possibile giustificazione. Così si è ridotta l'Italia in mano alla sinistra. Chiediamo condanne esemplari e certezza della pena per chi attenta alla sicurezza dei cittadini. È tempo che gli Italiani tornino a credere in uno Stato che garantisca loro sicurezza, ordine e legalità".

La parola fascismo non c’è. La parola razzismo non c’è. Il fatto che Luca Traini fosse candidato nelle liste del suo amico/camerata Salvini non è menzionato. Il fatto che avesse fatto il saluto romano è oscurato.

Chi sono i mandanti morali di questa campagna di odio?