Forza Nuova solidarizza con il fascista di Macerata: paghiamo le spese legali

Il gruppo di estrema destra rivendica la vicinanza con lo sparatore: succede perché lo Stato pensa solo a reprimere i patrioti

Razzismo a Macerata

Razzismo a Macerata

globalist 3 febbraio 2018

La domanda è una: cosa aspettano a sciogliere Forza Nuova, un'organizzazioen fascista e razzista che è la negazione della Costituzione? Aspettiamo  un morto o una nuova caccia ai bengalesi da bastonare per fare esercizio?

Così i fascisti sono subito andati in soccorso del fascista sparatore: "Sarà politicamente scorretto, sarà sconveniente, in campagna elettorale nessuno farà un passo avanti, ma oggi noi ci schieriamo con Luca Traini. Il ragazzo marchigiano arrestato poche ore fa con l'accusa di aver ferito degli immigrati. Questo succede quando i cittadini si sentono soli e traditi, quando il popolo vive nel terrore e lo Stato pensa solo a reprimere i patrioti e a difendere gli interessi dell'immigrazione. Mettiamo a disposizione i nostri riferimenti per pagare le spese legali di Luca, a non farlo sentire solo e a non abbandonarlo".
Le vergognose parole di Forza Nuova sono andate avanti. "Già ci immaginiamo le condanne dell'Anpi, degli antifascisti vari e di chi serve la causa della sostituzione etnica. Già sentiamo lo sdegno dei palazzi e dei salotti tv. Noi invece abbiamo nelle orecchie il pianto straziato della famiglia di Pamela e il grido di rabbia di un'Italia che vuole reagire e non morire d'immigrazione".