Soumahoro, Fratoianni: "Candidato pensando alle lotte al caporalato, ci sono zone d'ombra"

Nicola Fratoianni, leader della Sinistra italiana, non è pentito di aver candidato Aboubakar Soumahoro perché si pensava alla lotta contro lo sfruttamento

Soumahoro, Fratoianni: "Candidato pensando alle lotte al caporalato, ci sono zone d'ombra"

globalist Modifica articolo

26 Novembre 2022 - 16.50


Preroll AMP

Una vicenda che sta creando sconcerto ed è stata usata dalla destra reazionaria per attaccare le politiche di accoglienza e cavalcare xenofobia e cattiveria,

Top Right AMP

 Nicola Fratoianni, leader della Sinistra italiana, non è pentito di aver candidato Aboubakar Soumahoro in Parlamento. «No – dice – perché la sua scelta è stata fatta pensando che quei temi ( la lotta al caporalato, lo sfruttamento dei migranti , ndr.) quelle battaglie sono essenziali per una forza come la nostra. E lo penso anche oggi. Sebbene non mi sfugga che il problema adesso è come sostenere e proteggere le lotte e le ragioni di chi quotidianamente le porta avanti dalle ripercussioni di questa vicenda. Ragioni e lotte che restano al centro della nostra iniziativa politica».

OutStream AMP

Il leader di Si sottolinea: «nessuno mi aveva mai parlato di ipotesi di reato». Quanto alle spiegazioni del sindacalista divenuto deputato – e che si è autosospeso dopo l’inchiesta che ha coinvolto i suoi congiunti – osserva che lo hanno convinto «sino a un certo punto. Credo che ci siano ancora delle zone d’ombra da chiarire ed è quello che noi gli abbiamo chiesto di fare. Nel merito, punto per punto, nell’interesse suo, di chi lo ha votato, della dimensione collettiva di cui fa parte».

Middle placement AMP
Box recommendation AMP
Box recommendation AMP

Articoli correlati

Top AMP