L'appello del Pd di Venezia: "Il comune sostenga lo scioglimento delle organizzazioni neofasciste"

La mozione presentata dal gruppo consiliare del Partito democratico: "Il comune si impegni a evitare che nel territorio veneziano siano autorizzate manifestazioni di questo stampo"

Sede del comune di Venezia

Sede del comune di Venezia

globalist 14 ottobre 2021
I consiglieri Pd del comune di Venezia spronano tutto il consiglio a sostenere iniziative contro i gruppi fascisti, tra cui lo scioglimento degli stessi.
"Il Consiglio comunale di Venezia condanni l'occupazione e il danneggiamento della sede Cgil di Roma da parte di "manifestanti neofascisti", sostenga lo scioglimento di tutte le formazioni che si ispirano al fascismo e al nazismo e si impegni a evitare che nel territorio veneziano siano autorizzate manifestazioni di questo stampo".
Questa la richiesta avanzata con una mozione presentata dal gruppo consiliare del Partito democratico e sottoscritta anche dai gruppi di opposizione Verde e progressista, Movimento 5 stelle, Terra e acqua e Tutta la città insieme.
"Episodi squadristi e fascisti come quello avvenuto a Roma il 9 ottobre sono veri e propri attacchi alla democrazia e devono essere fermamente condannati da tutte le forze democratiche indipendentemente dallo schieramento politico", afferma il consigliere comunale democratico Paolo Ticozzi, primo firmatario della mozione.
"Alla solidarietà totale nei confronti Cgil per gli attacchi subiti vanno affiancate delle azioni concrete",