Salvini fa lo 'schifato' per Morisi: ma sulla Bestia le peggiori accuse per Carola Rackete (che è stata assolta)

Capitan Nutella condanna l'onda mediatica "che condanna le persone prima che sia un tribunale a farlo": Esattamente quello che lui ha fatto spesso e volentieri, sua sulla 'capitana' che sulle Ong

Salvini e Morisi

Salvini e Morisi

globalist 28 settembre 2021

Ha detto Matteo Salvini sul caso Morisi, affrontando spezzante i rischi del ridicolo: “Sono spiaciuto della schifezza mediatica che condanna le persone prima che sia un giudice, un tribunale a farlo”.

Altro altissimo esempio di doppiezza morale, visto che il tribunale unico dei suoi social condannava per molto meno, specolava politicamente anche sugli avvisi di garanzia senza contare che ha criminalizzato tutte le ‘categorie’ a lui invise (soprattutto stranieri e migranti) sfruttando ogni our marginale fatto di cronaca per alimentare l’odio e l’avversione verso il ‘nemico’.

Tutti ricordiamo le persone messe alla gogna, gli insulti perfino a ragazzine minorenni che lo avevano criticato.

Tutti ricordiamo il ‘marcire in galera’ pronunciato prima dei giudizi.

Ma soprattutto ora che Capitan Nutella fa lo scandalizzato su Morisi (si tratta soprattutto di ironie e non sembra che i suoi avversari politica ne abbiano chiesto l’impiccagione o la galera….) c’è da ricordate quello che disse su Carola Rackete (che è stata assolta) e le accuse contro le Ong che non hanno trovato alcuna conferma giudiziaria.

In quel caso non aspettò un giudice o un tribunale, giusto?

Basti ricordare cosa ha scritto Carola Rackete nella querela contro il capo della Lega: “ Matteo Salvini – si legge nella denuncia presentata in procura - mi ha definito pubblicamente e ripetutamente sbrufoncella, fuorilegge, complice dei trafficanti, potenziale assassina, delinquente, criminale, pirata, una che ha provato a uccidere dei finanzieri e ad ammazzare cinque militari italiani, che ha attentato alla vita di militari in servizio, che ha deliberatamente rischiato di uccidere cinque ragazzi e che occupa il suo tempo a infrangere le leggi italiane e fa politica sulla pelle dei disgraziati: la gravità della lesione al mio onore è in sé evidente”.

C’ da dire che Carola Rackete - che tra l’altro non è mai stata indagata per tentato omicidio - è stata prosciolta da tutti gli addebiti perché la sua condotta è stata ritenuta appropriata e giustificata dagli eventi.

Non domo Salvini ha pure sputato veleno su  Sea-Watch come si tante Ong. “Dice - aveva aggiunto Carola Rackete nella denuncia - che si tratta di un'organizzazione illegale e fuorilegge, sostenendo che i suoi rappresentanti sarebbero complici di scafisti e trafficanti. Tali affermazioni sono lesive della mia reputazione e mettono a rischio la mia persona e la mia incolumità, in quanto dipendente e rappresentate della Sea-Watch”.

Quali e tanti tribunali hanno condannato Sea Watch con l’accusa di essere stata complice di scafisti e di trafficanti?
Forse se Salvini è in cerca di schifezze potrebbe guardarsi allo specchio o rileggere anni di dichiarazioni gravide di odio e di accuse formulate ben prima dei giudici.