Mentre Salvini fa il facilone Zaia ripristina i controlli anti-Covid agli aeroporti

Il presidente della regione assicura che saranno effettuati tamponi rapidi di terza generazione o si vedrà se il viaggiatore ha tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti o il Green pass

Zaia e Salvini

Zaia e Salvini

globalist 18 luglio 2021

Non esiste solo la destra negazionista e contro il Green Pass, esiste anche una parte responsabile che conosce la potenza del virus e sta facendo molto per evitare un allargamento dei contagi.

Purtroppo però molti stanno ad ascoltare il bolsonariano Salvini e i suoi deliri.

Da domani intensificati i controlli agli aeroporti veneti. Lo annuncia il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia.

"L'area tamponi all'interno dell'aeroporto Marco Polo di Venezia raddoppia. Da cinque (tre di accettazione e due di test) a dieci linee di screening anti Covid per testare gli arrivi dai Paesi europei oggetto di forte contagio. Saranno effettuati tamponi rapidi di terza generazione, e verrà verificato in alternativa se il viaggiatore è già in possesso di un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti o del Green pass", spiega in un post su Facbook.

"Oggi sono stati sottoposti a tampone 546 viaggiatori, da 26 voli: 6 per la Francia, 4 per la Spagna, 6 per la Germania, 1 per la Grecia, 3 per la Gran Bretagna, 1 per la Danimarca, 1 per la Turchia, 1 per gli Stati Uniti, 1 per l'Austria, 1 per la Svizzera e 1 per il Lussemburgo. Nessuno di loro è risultato positivo", conclude Zaia.