Salvini specula subito sulla rivolta fascio-camorrista: "Il governo esaspera"

Il capo della Lega fa una condanna di circostanza della violenza ma cerca di cavalcare il malcontento

Matteo Salvini

Matteo Salvini

globalist 24 ottobre 2020

Una protesta inquinata da forze camorristiche e fasciste ha invaso le strade di Napoli ieri sera, ma Matteo Salvini condannare in maniera formale e senza enfasi gli episodi di guerriglia facendo finta di non saperlo: “La violenza deve essere condannata, sempre, comunque e dovunque. Attaccando poliziotti e giornalisti non si risolve nessun problema, si commette un reato. Punto".


Ma il leader della Lega ha il vero interesse di cavalcare la protesta e la utilizza soltanto per fini politici, attaccando chi sta prendendo decisioni contro il virus che lui da buon 'bolsonariano' ha sempre osteggiato ma che sono state prese anche nelle regioni dove governa la Lega: "È evidente che la confusione, i ritardi, l'impreparazione e l'incapacità del governo (cosa hanno fatto in tutti questi mesi? Giocato con monopattini e banchi con le rotelle?) stanno esasperando milioni di cittadini perbene in tutta Italia. Non è possibile che la cura sia peggiore del male'', ha concluso.