Il capo dello staff di Virginia Raggi: "Non possiamo esultare, in due anni persi otto milioni di voti"

Il capo dello staff di Virginia Raggi: "Tracollo M5s in ogni tornata elettorale. Se si continua così, si fa la fine di Narciso".

Massimo Bugani

Massimo Bugani

globalist 22 settembre 2020

Nel day after del referendum e delle elezioni regionali j’accuse di Massimo Bugani, ex socio di Rousseau e attuale capo staff del sindaco di Roma Virginia Raggi, dopo la debacle del M5S alle regionali. In un post su Facebook l’esponente grillino in primo luogo descrive il risultato del referendum come “un successo degli italiani e non certo dei partiti”, spiegando che il Movimento “ha avuto il merito di intercettare questa onda e di portare alcune importanti riforme dentro alle istituzioni”. Poi passa all’analisi del voto locale.


Un quadro impietoso quello tracciato da Bugani, che, senza nominarlo, punta il dito contro l’ex capo politico Luigi Di Maio: “Non sfugge allo stesso tempo il tracollo del M5S in ogni tornata elettorale, dalle europee del 2019 ad oggi, con gravi responsabilità in capo a chi da allora non ha mai voluto avviare un momento di riflessione interna, non ha avuto il coraggio di convocare stati generali, non ha minimamente gestito le precedenti regionali in Calabria e in Emilia lasciando i gruppi allo sbando, non ha mai preso alcuna posizione per costruire progetti seri nei territori, ed ha poi deciso di dimettersi non certo dopo aver preso atto del fallimento, ma solo per lasciare una palla avvelenata in mano al suo successore, il quale per forza di cose era un traghettatore ma non aveva la legittimazione per prendere decisioni importanti”.


“Un movimento che in due anni ha perso praticamente 8mln di voti rispetto a quegli 11mln del famoso 33% del 2018 non ha purtroppo assolutamente nessun motivo per esultare oggi. Vedere i selfini gaudenti mentre i nostri candidati di queste regionali sono stati mandati alla carneficina mi dispiace e mi addolora. In regioni dove avevamo il 45% abbiamo il 10%, in regioni dove avevamo il 15 abbiamo il 3%”, rimarca ancora l’ex membro dell’Associazione Rousseau.


“Per chi ha lucidità, realismo, voglia e forza, inizia oggi una nuova stagione, un nuovo capitolo tutto da scrivere in cui c’è da costruire insieme ad altri qualcosa di serio e credibile. Non può essere la paura che vinca questa destra imbarazzante l’unico appiglio elettorale. Può funzionare una o due volte, come ieri, ma poi - insiste Bugani - i cittadini hanno bisogno di credere in un progetto, di emozionarsi, di vedere che qualcosa si muove per un fine diverso e più alto dalla semplice salvaguardia della propria poltrona. Altrimenti, se si continua così, si fa la fine di Narciso”.