In piena pandemia Salvini tende la mano ai no-vax: "Io rispetto le idee di tutti"

Io ho vaccinato i miei figli ma ritengo che le mamme e i papà debbano essere liberi di scegliere" dice Salvini a Tagadà

Salvini

Salvini

globalist 14 settembre 2020
Da Tagadà, Matteo Salvini ribadisce di non aver scaricato l'app Immuni e anche che non ritiene "di essere un pericolo pubblico: se avessi sintomi mi farei i controlli del caso, sui dati degli italiani, quando c'è una potenza cinese che è in banca, negli ospedali, nei nostri dati, sono attento". 
"No, non ho paura del Covid" dice Salvini, "ho qui la mascherina, bisogna stare attenti ed essere cauti. Non si può vivere di paura e di distanza", afferma. "La mascherina? Sì, certo. Mia figlia oggi è entrata in classe con la mascherina, quando la porto sulle giostre metto la mascherina e quando entro in un bar metto la mascherina, come è giusto che sia", prosegue.
"Non ho fatto tampone e test. Ho donato due volte il sangue e fortunatamente tutto è tranquillo. Bisogna portare rispetto a migliaia di morti e al lavoro dei medici, ma il termine negazionista non mi piace perché ricorda la follia dei lager nazisti e comunisti e dei campi di sterminio. La malattia c'è, uno che dice che il Covid non esiste ha dei problemi. Esiste, tante famiglie hanno pagato le conseguenze. Questo non significa che si debba alimentare la paura" continua il leghista. 
Cosa pensa dei No Vax? "Io rispetto le idee di tutti, non condanno a prescindere nessuno. Io ho vaccinato i miei figli ma ritengo che le mamme e i papà debbano essere liberi di scegliere". Per chiudere, un pensiero per Silvio Berlusconi: "Mando un abbraccio a Berlusconi, spiace per chi ha speculato su sua malattia, spero che torni presto più in forma di prima".