Orlando critica Bonaccini: "Apre a Renzi mentre lui alla vigilia del regionali attacca il Pd"

Il vicesegretario Pd: ""Adesso è necessario concentrarsi sulla campagna elettorale, sarebbe dunque più importante dare sostegno a tutti i nostri amici e attori in campo".

Il vice-segretario del Pd  Andrea Orlando

Il vice-segretario del Pd Andrea Orlando

globalist 13 settembre 2020

Non una polemica, ma un segnale preciso: "Credo che per il governo sia necessario fare un tagliando per affrontare una fase nuova: la capacità progettuale del Paese è diminuita e ci troviamo nella situazione di dover spendere 209 miliardi di euro in un Paese che da molto tempo fa tagli".


Lo ha detto il vicesegretario Pd Andrea Orlando, intervistato da Maria Latella a Il Caffè della domenica su Radio 24 rispondendo a una domanda su un eventuale rimpasto dopo le regionali. "Non escludo che possa esserci un effetto sull'assetto del governo ma non mi pare questo la cosa più fondamentale; ha aggiunto Orlando.


Per quanto riguarda, invece, le aperture del governatore Bonaccini sul rientro nel Pd di Renzi ha detto: "Le considerazioni di Bonaccini sono legittime: mi chiedo se sia corretto farle a una settimana dal voto, quando in tutte le regioni tranne le Marche Iv è contro il Pd e ha scelto il Pd come bersaglio". "Adesso è necessario concentrarsi sulla campagna elettorale, sarebbe dunque più importante dare sostegno a tutti i nostri amici e attori in campo", ha spiegato Orlando.