"Usiamo le armi contro Montecitorio": Fratoianni denuncia lo 'scherzo' del sindaco di Pordenone (FdI)

Il deputato di Sinistra Italiana-LeU: "Non sarebbe male che il Prefetto di Pordenone spiegasse a questo sindaco che con le Istituzioni non si scherza". E annuncia un'interrogazione al Viminale

Alessandro Ciriani

Alessandro Ciriani

globalist 6 aprile 2020
Si scherza, certo. Ma il problema è che per molti fanatici certi 'scherzi' sono più reali che mai. E quindi è legittima la reazione indignata di Nicola Fratoianni, deputato di Sinistra Italiana-LeU, a una vicenda che riguarda il sindaco di Pordenone, Alessandro Ciriani: "Mi è stato segnalato che il sindaco di Pordenone (Fdi) su Facebook mentre qualche suo amico gli scrive e gli propone 'di prendere un po’ di militari, andare a Montecitorio, destituiamo quei quattro farabutti inetti, traditori della Patria ecc...' invece di rispondergli che scrivere queste cose è da perfetto idiota ci si mette a scherzare amabilmente, sostenendolo". 
"Ora che questa vicenda è diventata di dominio pubblico, il sindaco dirà , come capita di solito quando vengono beccati, che stava scherzando" continua Fratoianni, "ma sarebbe bene che con le Istituzioni democratiche non ci scherzasse. Questa destra da una parte istericamente denuncia che il Parlamento deve essere aperto, e dall’altra fa vedere il suo vero pensiero sulla democrazia: una destra inconcludente e pericolosa.”
“Ora non sarebbe male che il Prefetto di Pordenone spiegasse a questo sindaco che con le Istituzioni non si scherza. In attesa delle scuse di questo signore - conclude Fratoianni - noi comunque presenteremo sulla vicenda un’interrogazione alla ministra dell’Interno”